Chapter 4:

Al sicuro con lui

“Questa è una traduzione automatica. Se vuoi aiutarci a correggerlo, puoi inviare un’e-mail a  contact@nazareneisrael.org“.

Guarda: “Al sicuro con lui”

Molte cose brutte possono accadere nella vita perché il mondo non è ancora come dovrebbe essere. E queste brutte cose che ci accadono possono causarci paure, ansie e possono interrompere il nostro Shalom in Elohim. Queste cose possono anche impedirci di sentire la voce di Elohim se abbiamo troppa paura delle cose che ci sono successe in passato.

Questo è un problema. Perché ci è stato comandato di ascoltare e di obbedire alla voce di Elohim. E se non possiamo sentire la Sua voce a causa delle nostre ansie o paure, allora certamente non possiamo obbedire. Ed è difficile dimorare con Lui quando non siamo consapevoli di Lui, perché invece siamo più consapevoli delle nostre paure e ansie.

Ti è forse successo qualcosa di brutto che ti ruba regolarmente la tua Shalom? Forse siete stati derubati, forse siete stati violentati. Forse siete stati abusati fisicamente o psicologicamente, sia da adulti che da bambini. Forse con un trattamento diretto, forse con un trattamento indiretto, essendo stati educati a credere in un sistema babilonese che è falso in ogni modo.

A volte altre persone soffrono di stress post-traumatico. Lo stress post-traumatico può verificarsi quando siamo esposti a un fattore di stress per il quale non siamo in grado di fare nulla in quel momento. Quindi, dobbiamo sopprimere le nostre emozioni e sentimenti. E se non impariamo mai a farli uscire dopo, e non impariamo mai a gestire questi sentimenti, possono causare problemi. Perché invece di farli uscire in modo adattivo, escono in modi strani e non adattivi.

A volte le persone sono orfane, o vengono abbandonate da bambine. E quindi non sanno davvero come fidarsi di Elohim. Forse i loro genitori hanno abusato di loro, o non li hanno amati, quindi forse pensano che anche Elohim abuserà di loro o non li amerà. Forse sentono di non essere degni. Forse sentono che c’è un’insicurezza di base o una vulnerabilità che pervade la loro vita.

Bene, se seguite gli studi di Nazareno Israele, sapete che il mondo non sarà reso giusto fino a dopo l’Armageddon. Infatti il mondo dovrebbe peggiorare progressivamente fino all’Armageddon. Ma a volte aiuta la gente sapere che il mondo alla fine si aggiusterà.

Come spieghiamo nell’Apocalisse e i tempi finali, dopo la settima tromba Yeshua chiederà a Suo Padre Yahweh di dargli le nazioni come sua eredità e le estremità più esterne della terra come suo possesso. Yeshua spezzerà allora le nazioni con una verga di ferro e le farà a pezzi come un vaso da vasaio, con questa verga di ferro che riceve da Suo Padre. Vediamo Yahweh dire questo a Suo Figlio Yeshua in Salmi capitolo 2.

Tehillim (Salmi) 2:8-9
8 “Chiedi a me, e io ti darò le nazioni come tua eredità, e le estremità della terra come tuo possesso.
9 Li spezzerai con una verga di ferro; li ridurrai in pezzi come un vaso da vasaio”.

Ma noi sappiamo che saremo noi a fare a pezzi perché Yeshua ce lo dice in Apocalisse capitolo 2.

Hitgalut (Rivelazione) 2:26-27
26 E colui che vince [Israele, i vinti di Elohim] e conserva le mie opere fino alla fine, a lui darò potere sulle nazioni.
27 “EGLI LI GOVERNERÀ CON UNA VERGA DI FERRO; SARANNO RIDOTTI IN PEZZI COME VASI DI VASAIO”.
-comeanch’io ho ricevuto dal Padre mio.

E questo ha assolutamente senso e si accorda con ciò che leggiamo in Daniele capitolo 7, in riferimento a ciò che accade dopo la tromba 7.

Daniele 7:27
27 Allora il regno e il dominio e la grandezza dei regni sotto tutto il cielo saranno dati al popolo, i santi dell’Altissimo. Il suo regno è un regno eterno, e tutti i domini lo serviranno e gli obbediranno.

Ora notate in questo versetto; il regno e il dominio e la grandezza dei regni, sotto tutto il cielo, è dato al popolo, i santi dell’Altissimo. Eppure, quando questo regno e dominio è dato ai santi, questo qualifica che tutti i domini serviranno e obbediranno a Lui. Perché servono e obbediscono al Suo corpo che governa le nazioni con la Sua verga di ferro in Sua vece.

Ma prima di arrivare alla parte di governare e regnare, prima dobbiamo essere in pace con noi stessi. Dobbiamo lasciare andare il nostro vecchio io. Quando moriamo a noi stessi nell’immersione e veniamo elevati a nuove creazioni in Lui, non dobbiamo lasciare che queste vecchie cose ci influenzino. In modo che possiamo sentire la Sua voce e quindi possiamo obbedire alla Sua voce. Ed è per questo che in questa presentazione video vogliamo parlare di come possiamo sentirci al sicuro con Lui. Affinché queste cose del nostro passato non ci influenzino più.

Una delle cose più importanti da sapere sul venire alla fede in Yeshua è che, quando siamo immersi (o battezzati), non stiamo semplicemente facendo un bagno. Piuttosto stiamo simbolicamente morendo al nostro vecchio io. Andiamo sotto la superficie dell’acqua, simboleggiando l’essere sepolti sotto terra. E poi noi, quando siamo risorti, siamo risorti nuove creature con una novità di vita in Lui. E’ il simbolo della rinascita.

Ma ciò che a volte va male è che, quando le persone sono immerse, non sempre lasciano andare le loro vecchie esperienze e i loro vecchi traumi e le loro vecchie vite. Quindi, non si lasciano veramente morire alle loro vecchie vite e ai loro vecchi problemi. Questo rende loro impossibile diventare nuove creazioni in Lui, così continuano a rivivere gli stessi problemi del passato più e più volte. E questa non è la Sua volontà per noi. Perché se non possiamo morire al nostro vecchio io, allora non possiamo camminare nella novità di vita che Yeshua vuole darci.

Quello che vogliamo fare in questo studio è aiutare quelli di noi che hanno difficoltà a lasciare andare il loro passato e difficoltà a morire al loro vecchio sé. Rendersi conto che non solo questo è ciò che ci viene comandato, ma che è sicuro farlo. Diamo un’occhiata ad alcuni passaggi molto importanti. Per prima cosa guardiamo a ciò che l’apostolo Shaul chiede e ci dice in Romani capitolo 6.

Romim (Romani) 6:3-4
3 O non sapete che quanti di noi sono stati immersi nel Messia Yeshua sono stati immersi nella Sua morte [meaning we die to our old selves]?
4 Perciò siamo stati sepolti con Lui per immersione nella morte, che come il Messia è stato risuscitato dai morti dalla gloria del Padre, così anche noi dobbiamo camminare nella novità della vita.

Questo significa che dovremmo avere una nuova vita. Le cose vecchie vengono lavate via.

Qolossim (Colossesi) 3:3
3 Perché tu sei morto, e la tua vita è nascosta con il Messia in Elohim.

Abbiamo una nuova vita e una nuova opportunità in Elohim. Ma cosa significa avere una nuova vita in Elohim? Yeshua parla di questo in Giovanni capitolo 15

Yochanan (Giovanni) 15:4-5
4 “Rimani in me e io in te”. Poiché il tralcio non può dare frutti di per sé, a meno che non rimanga nella vite, nemmeno voi potete, a meno che non rimaniate in Me.
5 Io sono la vite, voi siete i rami. Chi rimane in me e io in lui, porta molto frutto; perché senza di me non potete fare nulla”.

Se possiamo immaginare di abitare fisicamente in Yeshua, o se Yeshua abita fisicamente in noi. Noi in Lui e Lui in noi, Lui nel Padre e il Padre in Lui. E che oltre a Yeshua non possiamo fare nulla. Questa è una relazione importante da capire. Perché quello che stiamo veramente cercando di fare qui è di ristabilire la connessione che è stata persa nel giardino dell’Eden.

B’reisheet (Genesi) 3:24
4 Allora Egli scacciò l’uomo; e pose dei cherubini a est del giardino di Eden, e una spada fiammeggiante che girava da ogni parte, per sorvegliare la via dell’albero della vita.

Nel giardino dell’Eden, l’attenzione dell’uomo si allontanò da Elohim, e la connessione tra l’uomo e Elohim fu rotta. Ed è proprio questo il punto, ripristinare la connessione che era stata spezzata tra l’uomo e il Divino, che era stata rotta e persa al tempo del peccato originale.

Ma quando dimoriamo in Yeshua, quando rimaniamo in Lui e Lui in noi, e Lui nel Padre e il Padre in Lui, allora non possiamo essere in ansia per nulla. Perché abbiamo una nuova vita, è una tabula rasa, siamo nuove creature. E poi in ogni cosa, in preghiera e supplica e ringraziamento, possiamo far conoscere le nostre richieste a Elohim. E sappiamo che Elohim risponderà alle nostre richieste quando non chiediamo male. Ma noi chiediamo in Lui, e sappiamo che le nostre preghiere vengono esaudite. E riceviamo la pace di Elohim che supera ogni comprensione. .

Filippo (Filippesi) 4:6-7
6 Non siate ansiosi per nulla, ma in ogni cosa con la preghiera e la supplica, con ringraziamento, fate conoscere le vostre richieste a Elohim;
7 e la pace di Elohim, che supera ogni comprensione, custodirà i vostri cuori e le vostre menti attraverso il Messia Yeshua.

E la chiave di tutto è per noi essere in Lui e sapere che è sicuro farlo. Perché quando siamo in Lui e Lui è in noi, siamo soprannaturalmente protetti. È come se le vecchie cose non avessero più importanza.
Anche il re Davide capì questa relazione fondamentale. Nei Salmi, capitolo 18, Davide parla di dimorare in Elohim come se stesse letteralmente dimorando in una fortezza, roccaforte, torre forte.

Tehillim (Salmi) 18:2
2 Yahweh è la mia roccia, la mia fortezza e il mio liberatore;
Il mio Elohim, la mia forza, in cui confiderò;
Il mio scudo e il corno della mia salvezza, la mia fortezza.

Il re Davide parla spesso di questa relazione. Egli dimora mentalmente, psicologicamente e spiritualmente in Elohim. Ed Elohim allora gli dà protezione e sicurezza, e liberazione in tempi di difficoltà. Il re Davide andò spesso in battaglia. Leggiamo di nuovo la relazione di Davide con Elohim nei Salmi, capitolo 31

Tehillim (Salmi) 31:2
2 Porgi l’orecchio a me, liberami presto; sii la mia roccia di rifugio, una fortezza di difesa per salvarmi.
3 Perché tu sei la mia roccia e la mia fortezza; perciò, per amore del tuo nome, guidami e guidami.

Il re Davide capì letteralmente questa relazione che avrebbe abitato in Yahweh come se avesse dimorato in una fortezza. Dall’interno della fortezza potevano succedere altre cose, che non lo riguardavano. Non ne era infastidito.
Questo è come dovremmo essere quando dimoriamo in Yeshua. Non dobbiamo permettere che le cose esterne ci influenzino, perché dovremmo lasciare che ci influenzino? Perché ora abbiamo novità di vita e sicurezza, perché stiamo dimorando con Messia Yeshua. Niente può interrompere questo. Niente potrà mai portarcelo via.

Yochanan (Giovanni) 10:28
28 “E io do loro la vita eterna, e non periranno mai; nessuno li strapperà dalla mia mano”.

Quando dimoriamo in Yeshua e manteniamo questa relazione con Lui, non importa cosa succede al corpo. Non importa cosa succede alla nostra carne. Perché ora abbiamo una relazione eterna con il Messia Yeshua.

Ma non abbiamo davvero bisogno di una fortezza fisica per essere protetti in questo modo. Questo è uno dei principali punti di insegnamento della Festa dei Tabernacoli (Sukkot). Una sukkah è una struttura molto fragile, puoi letteralmente prenderla a calci. Non offre protezione dai tempi di guerra, o dai nemici o dagli invasori, niente del genere. Ma sempre nella Scrittura, dopo un periodo di pericolo, Israele avrebbe abitato nelle sukkot (tabernacoli). Perché Yahweh è la nostra protezione. Quando siamo in Yahweh, Egli provvede a noi e ci protegge. Questa è una delle lezioni fondamentali della Festa dei Tabernacoli. Vediamo questo concetto descritto anche in Isaia capitolo 4.

Yeshayahu (Isaia) 4:6
6 E ci sarà un tabernacolo per l’ombra durante il giorno dal calore, per un luogo di rifugio e per un riparo dalla tempesta e dalla pioggia.

Vediamo anche l’apostolo Shaul parlare di questa relazione in Efesini capitolo 6. Possiamo non avere un castello o una fortezza o un’armatura letterale. Ma quando dimoriamo in Yeshua, siamo protetti dai dardi, dalle fionde e dalle frecce del mondo esterno, come se indossassimo un’armatura.

Efesini 6:10-11; 16
10 Infine, fratelli miei, siate forti in Jahvè e nella potenza della sua forza. [Abide in Him and we are protected].
11 Rivestitevi dell’intera armatura di Elohim, affinché siate in grado di resistere contro le insidie del diavolo.
16 Soprattutto, prendi lo scudo della fede con il quale potrai spegnere tutti i dardi di fuoco del malvagio.

Quando abbiamo fede e dimoriamo in Lui, queste cose che sono esterne a noi non hanno importanza per noi. Possiamo essere dentro la fortezza, la torre forte con Lui. E siamo protetti.

Quindi, queste vecchie cose che ci sono successe in passato, se siamo stati violentati, o derubati, o forse siamo stati aggrediti, chissà cosa ci è successo. Non dobbiamo lasciare che queste cose ci influenzino. Poiché siamo concentrati sul bene, siamo concentrati sulla nostra relazione spirituale con Elohim. Noi in Yeshua e Yeshua in noi. Lui nel Padre e il Padre in Lui. E poi lasciamo che tutte le vecchie cose, le vecchie paure e le vecchie ansie passino. Ed è sia sicuro farlo, sia comandato farlo.

Yochanan (Giovanni) 10:9
9 “Io sono la porta. Se qualcuno entra per mezzo di me, sarà salvato, entrerà e uscirà e troverà pascolo”.

E un passaggio molto importante in Matteo capitolo 14, quando Yeshua stava venendo dai discepoli, camminando sull’acqua sul mare di Galilea (Kinneret).

Mattityahu (Matteo) 14:28-30
28 E Kepha gli rispose e disse,
“Adon, se sei Tu, comandami di venire a Te sull’acqua”.
29 Allora Egli disse: “Vieni”.
E quando Kepha scese dalla barca, camminò sull’acqua per andare da Yeshua. [Ma guarda cosa succede dopo. Kepha toglie gli occhi da Yeshua e tutto va a rotoli].
30 Ma quando vide che il vento era impetuoso, ebbe paura; e cominciando ad affondare gridò, dicendo: “Adon, salvami!”.

Così, ancora una volta, quando teniamo i nostri occhi su Yeshua e la nostra attenzione su Yeshua, quando siamo in Lui e Lui in noi, Lui nel Padre e il Padre in noi, siamo letteralmente protetti. Possiamo letteralmente fare cose che non potremmo fare altrimenti. Perché Lui ci dà una protezione soprannaturale e una disposizione soprannaturale.

Quindi, prima di imparare a governare e regnare sulle nazioni con la verga di ferro di Yeshua, prima dobbiamo imparare a guarire. Ed è per questo che dobbiamo imparare a sentirci al sicuro con Lui. Spero che questo studio aiuti qualcuno.

If these works have been a help to you in your walk with Messiah Yeshua, please pray about partnering with His kingdom work. Thank you. Give