Chapter 5:

La Torah e la Testimonianza

“Questa è una traduzione automatica. Se vuoi aiutarci a correggerlo, puoi inviare un’e-mail a  contact@nazareneisrael.org“.

Guarda: La Torah e la Testimonianza

Benvenuti in Israele Nazareno.

Mi chiamo Norman Willis. Questo studio è sulla vera definizione della Torah e la vera definizione della Testimonianza, e perché queste sono necessarie per voi.

Per la massima trasparenza, in realtà abbiamo iniziato su questo argomento perché stavamo cercando di fare un argomento diverso. Volevamo parlare di qualcosa di veramente importante, la necessità vitale di ascoltare e obbedire alla voce di Yahweh, che è qualcosa che è comandato per tutti i discepoli. E quello che abbiamo capito è che non c’è davvero alcun modo di capire l’importanza vitale, critica, di ascoltare la voce di Yahweh, nel contesto, a meno che non comprendiamo lo scenario generale della Torah e della Testimonianza. Quindi, per poter comprendere la lezione vitale e critica su come ascoltare e obbedire alla voce di Yahweh, dobbiamo prima parlare della Torah e della Testimonianza.

Quindi qui abbiamo una micro serie in due parti. Per prima cosa, parleremo di quale sia la vera definizione della Torah. Perché la maggior parte delle persone che dicono la parola Torah in realtà non lo sanno. Questo perché la maggior parte delle persone hanno derivato la loro definizione dagli ortodossi. E come vediamo alla fine di questo capitolo, per dirla bene, gli ortodossi hanno ancora un velo sugli occhi. La loro definizione non è corretta e la maggior parte dei messianici ha ereditato questa definizione. Allo stesso modo, anche la maggior parte degli Efraimiti e dei credenti delle Due Case hanno ereditato questa errata definizione di cosa sia la Torah dai nostri fratelli ortodossi. Nessuno di loro lo sa e questo è qualcosa che dobbiamo sapere.

Parleremo anche del perché c’è più di una Torah. E molte persone diranno “Cosa? Cosa, cosa, di cosa stai parlando? Più di una Torah?” Oh, sì! C’è più di una Torah, e noi parleremo della relazione tra queste diverse Torot, che è plurale. Non dire Torahs, è Torot, un plurale femminile. E parleremo della relazione tra questi diversi Torot e la Testimonianza (la manifestazione dello Spirito di Yahweh). Faremo tutto questo in preparazione per il prossimo, importantissimo argomento della prossima settimana, quando parleremo dell’importanza vitale, critica, cruciale di ascoltare la voce di Yahweh. Durante il quale parleremo di quale sia la vera definizione della Testimonianza. Parleremo della relazione tra la Testimonianza (la manifestazione dello Spirito), e lo Spirito, e la voce di Yahweh. E parleremo di come possiamo sentire la voce di Yahweh.

Quindi, ci buttiamo a capofitto.

Yeshayahu (Isaia) 8:20
20 [Yahweh says] Alla Torah e alla testimonianza! Se non parlano secondo questa parola, è perché non c’è luce in loro.

Ora cerchiamo questa parola luce e troviamo che è shachar, che significa alba mattutina o spuntino.

Strong’s H7837: שַׁחַר
Shachar (shakh’-ar)
Da H7836; alba (letteralmente, in senso figurato o avverbiale): -giorno (-primavera), presto, luce, mattino.

Quindi, nel contesto, ciò che Yahweh sta realmente dicendo qui è che se non conoscono la vera definizione della Torah e non possono manifestare la testimonianza, è perché la luce del giorno non è ancora sorta su di loro. Sono ancora nell’oscurità. È come il cieco che guida il cieco, tutti cadranno in un pozzo, meglio lasciarlo solo. Quindi questo è qualcosa a cui pensare la prossima volta che state comprando un insegnante di Torah o se state decidendo a quali ministeri prestare attenzione. Se qualcuno non sa o non insegna secondo la vera definizione della Torah, o se non manifesta la testimonianza di Yeshua, è tempo di lasciarlo in pace.

Ora la testimonianza, la maggior parte delle persone usa il termine testimonianza per riferirsi alla loro storia su come sono stati salvati. Raccontano la storia di ciò che Yeshua significa per loro e come sono stati salvati, e questo fa parte della testimonianza. Ma ciò che la testimonianza è in verità è come manifestiamo lo Spirito di Elohim, o nel nostro caso, come manifestiamo lo Spirito di Yeshua. Questa è la vera definizione di una testimonianza.

Ora il termine Torah è spesso tradotto come legge, come le leggi di Mosè. Ciò che significa in realtà sono le istruzioni. Ora, il termine legge non è una cattiva traduzione, perché le istruzioni del Padre (il Re dell’Universo), le sue istruzioni hanno il peso della legge. E la Torah ha comandamenti, statuti, sentenze, ordinanze e leggi. Ma soprattutto questo è il punto che manca alla maggior parte delle persone. La maggior parte delle persone non capisce che ciò che la Torah è in realtà è che Elohim sta cercando di trasmetterci i Suoi precetti.

Ebbene, cos’è un precetto? Ok, possiamo forse pensare a un precetto come a un concetto. Il concetto di Elohim è che dovremmo essere valorosi, dovremmo essere giusti, dovremmo essere giusti. Dovremmo avere amore e compassione. Dovremmo avere pietà. Dovremmo essere indulgenti, dovremmo essere laboriosi. Dovremmo fare le cose giuste, dovremmo essere persone giuste. Ma una costruzione ancora più grande è la necessità di stabilire il regno ordinato di Yeshua, questo è il punto di tutto l’esercizio, portare la terra in soggezione a Yeshua e stabilire il regno ordinato di Yeshua. Questo è ciò di cui parlano veramente le Scritture. Quindi, tutti questi sono precetti.

Nel libro Governo della Torahsi parla della progressione del Torot sacerdotale. Di nuovo, non dire Torahs. Torot è un plurale femminile. Ma è importante capire che il quadro generale della Torah è l’istruzione di Yahweh al Suo popolo. Perché Yahweh sta facendo crescere qualcosa, sta facendo crescere un regno per Suo Figlio e c’è una sequenza molto importante, molto interessante che sta seguendo per questo. Se leggete il libro Torah Government capirete il principale piano di battaglia, per così dire. Capirete cosa sta cercando di fare Elohim e perché, e perché siamo passati attraverso questa specifica sequenza di sacerdozi e cosa significa per noi oggi.

La prima cosa che vediamo nel libro è che Israele era prima sotto quello che si potrebbe chiamare un sacerdozio patriarcale interno. Che cosa significa? Ciò significa che il padre di casa serviva anche come sacerdote della sua famiglia. Per esempio, quando Noach (Noè) scese dall’arca e fu portato in salvo, offrì offerte sacrificali a Yahweh.

Al tempo di Avraham avevamo un Ordine Melchizedekiano esterno. Melchisedec non faceva parte della stirpe di Avraham, era esterno alla futura nazione di Israele, per così dire. Aveva un Ordine Melchizedekiano esterno.

Poi Israele scese in schiavitù in Egitto per 430 anni e, in un certo senso, erano sotto la copertura dei sacerdoti egiziani. Era una cosa terribile, ma quando Yahweh fece uscire Israele dall’Egitto, stabilì prima un Sacerdozio Interno dei Primogeniti. Ed Egli ha dato a questo Sacerdozio Interno dei Primogeniti alcune istruzioni specifiche. Vedremo che queste istruzioni specifiche che Egli diede al Sacerdozio Interno dei Primogeniti erano diverse da quelle che diede all’Ordine Levitico Interno.

Ora queste due diverse serie di istruzioni, o queste due diverse Torot, sono ancora contenute nella Torah, se definiamo la Torah come i primi cinque libri di Mosè.

Poi vedremo anche che l’ordine levitico interno durò fino ai giorni di Eli. E poi fu con i giorni di Shemuel che si cominciarono a vedere stabiliti gli inizi dell’Ordine Melchizedekiano. Diamo uno sguardo al Tabernacolo di Davide dove l’Ordine Melchizedekiano fu istituito.

Poi, diventa un po’ oscuro, ma dopo vediamo come il fratello Giuda va in Babilonia. È qui che l’ordine levitico si corrompe. Ora cominciamo a vedere quello che viene chiamato l’Ordine Rabbinico. Loro non lo chiamano così, ma io lo chiamo così perché è fondamentalmente quello che è. È un ordine di rabbini.

Poi, nel primo secolo, con i giorni di Yeshua, abbiamo cominciato a vedere quello che potremmo chiamare un ordine interno melchisedecano. Potremmo anche chiamarlo un Ordine Ibrido Melchizedekiano.

Ciò che vedremo anche è che in futuro ci sarà una fusione del resto dell’Ordine Levitico e dell’Ordine Melchisedecano. Non rimarranno molti rabbini dopo l’Armageddon, e allora l’Ordine Melchizedekiano si fonderà con i resti dell’Ordine Levitico.

In Esodo, capitolo 12, abbiamo visto la prima Pasqua e abbiamo visto che Yahweh mandò il Messaggero di morte (o l’Angelo della morte) per uccidere tutti i primogeniti d’Egitto. Allo stesso tempo, Yahweh prese a sé tutti i primogeniti d’Israele, ed essi sarebbero stati un sacrificio vivente a Yahweh.

Shemote (Esodo) 13: 2
2 [Yahweh said] Riservate a me tutti i primogeniti, tutto ciò che apre il grembo tra i figli d’Israele, sia uomini che bestie; è mio.

E poi furono date loro alcune istruzioni specifiche riguardo alle feste. Non c’erano molte istruzioni perché ciò che Yahweh voleva veramente era che ascoltassero e obbedissero alla sua voce. Guardiamo l’Esodo 19, questo è ciò che Yahweh disse quando uscirono dall’Egitto.

Shemote (Esodo) 19:5.
Ora dunque, se vuoi davvero obbedisci alla mia voce [Spiritual component] e osservi la mia alleanza [una componente legale, specifica, o la Torah scritta], allora sarai per me un tesoro speciale al di sopra di tutto il popolo [cioè, se obbediamo sia alla voce dello Spirito che ai comandamenti dello Spirito]; perché tutta la terra è mia.

Ora notate, se non possiamo sentire la Sua voce, come possiamo obbedire alla Sua voce? Ecco perché stiamo cercando di mostrare in questa lezione quanto sia importante ascoltare la Sua voce. Per poter sentire la Sua voce, per poter obbedire alla Sua voce. Perché questo è ciò che Lui vuole, e questa è una delle due cose che ci vuole per essere un tesoro speciale per Lui sopra tutte le persone. In primo luogo, dobbiamo obbedire alla Sua voce, perché la Sua voce viene direttamente dallo Spirito. Allora dobbiamo anche rispettare la Sua alleanza. Lo vedremo di nuovo più avanti in Geremia. Lo parafraserà leggermente, ma è la stessa cosa.

Ora, è molto importante obbedire alle specifiche della Torah. Yahweh dà i Suoi comandamenti, i Suoi giudizi, i Suoi statuti e le Sue ordinanze, per buone ragioni. Dobbiamo obbedire a queste cose. Ma ciò che manca ai nostri fratelli ortodossi, e di conseguenza anche ai nostri fratelli ebrei messianici e alla maggior parte degli efraimiti e dei credenti delle due case, è la prospettiva più grande. Ciò che sta realmente accadendo qui è che Yahweh è un Padre amorevole, e sta cercando di far crescere i Suoi figli in tutte queste cose. È molto severo, dice:

“Questo è quello che voglio che tu faccia, e questo è quello che non voglio che tu faccia, e dico sul serio! E se lo farai ci sarà una grave punizione, anche la morte!

Ma in tutte queste cose, quello che Lui sta veramente dicendo è:

“Figliolo, io ti amo. Ora cercherò di aiutarti”.

Stiamo parlando di bambini adottati perché Yahweh ci ha adottati come suoi. Ha avuto pietà di noi, ha avuto pietà di noi. Sta dicendo:

“So che hai avuto un periodo difficile. So che sei cresciuto in Egitto, ok. Capisco tutto questo. Ma se vuoi ascoltare la mia voce, non parlerò sempre a voce alta. A volte sarà un piccolo tipo di voce ferma, sarà difficile da sentire, va bene. A volte ti chiamerò dall’altra parte del campo e tu dovrai ascoltare attentamente la mia voce. Dovrai ascoltarmi tutto il tempo. Ma se ascolti la Mia voce e fai le cose che ti dico di fare, avrai delle prove e sarai messo alla prova, ma alla fine tutto andrà bene. Tutto andrà bene. Ascolta solo la Mia voce”.

E in un certo senso ascoltare la Sua voce è ancora più importante della Torah scritta, perché come abbiamo ottenuto la Torah scritta? La Torah scritta era in origine le parole dello Spirito in cui qualcuno scriveva originariamente. Questo è il contesto generale di questa cosa.

Ora, naturalmente non l’abbiamo fatto. I nostri antenati hanno rovinato tutto. Tutto quello che dovevamo fare era ascoltare la Sua voce e obbedire alla Sua voce e alle cose che ci diceva di fare. Ma i nostri antenati dicevano:

“Ah, sai, Mosè, è stato via troppo tempo! E noi abbiamo paura, e vogliamo qualcosa da adorare!”. Allora Aharon (Aaron) dice: “Ok, rompi tutti i tuoi orecchini d’oro e dammeli”.

Shemote (Esodo) 32:4-5; 7
4 E [Aharon] ricevette l’oro dalle loro mani, lo modellò con uno strumento da incisione e fece un vitello fuso. [That major fail]. Allora dissero: “Questo è il tuo elohim, o Israele, che ti ha fatto uscire dal paese d’Egitto!”.
5 Poi, quando Aharon lo vide, costruì un altare davanti ad esso. [Epic fail]. E Aharon fece un proclama e disse: “Domani è una festa per Yahweh!“[Ancora un altro, epic fail].
7 Allora Yahweh disse: “Scendi, il popolo che hai fatto uscire dall’Egitto si è corrotto”.

Shemote (Esodo) 32:25-26
25 E quando Moshe vide che il popolo era sfrenato (perché Aharon non l’aveva trattenuto, per la vergogna dei suoi nemici) [he had not corrected or rebuked them],
26 Allora Moshe si fermò all’ingresso dell’accampamento e disse: “Chiunque sia dalla parte di Jahvè, venga da me!”. E tutti i figli di Levi si riunirono a lui.

Quello che succede abbastanza spesso è che la maggior parte della gente vuole una strada larga e facile da seguire. Vogliono accumulare per sé insegnanti che solleticano l’orecchio. Ma se sarai un vero ministro di Yahweh, ci saranno momenti in cui dovrai resistere alla gente. Dovrai rimproverare il popolo, dovrai dirlo al popolo:

“No, non è giusto, non è quello che dice la parola di Yahweh”.

Beh, il Sacerdozio Primogenito non ha fatto questo. Quindi, Yahweh incaricò l’ordine levitico di continuare al posto del Sacerdozio Primogenito.

Ora, per quelli di voi che credono che ci sia una e una sola Torah, ecco la cosa importante da realizzare. Quello che dobbiamo vedere qui è che i dettagli della Torah possono cambiare da un sacerdozio all’altro, e tuttavia, è ancora la stessa Torah. È ancora tutta un’istruzione di Yahweh. Yahweh sta ancora cercando di instaurare il regno ordinato di Yeshua. Questo è ciò che Lui sta veramente cercando di fare, sono solo fasi diverse dell’operazione. Proprio come se si potessero dare istruzioni diverse a un bambino di sei anni e a uno di 16. Si danno istruzioni diverse a un bambino di sette anni che a uno di 27. Ok, confrontiamo ciò che Yahweh dice al Suo popolo in Shemote 12 (prima che il Sacerdozio Primogenito fosse iniziato) e Devarim 16 (nella Torah Levitica).

Shemote (Esodo) 12:5
5 [Yahweh says] “Il tuo agnello sarà senza difetto, un maschio del primo anno. Potrai prenderlo dalle pecore o dalle capre”. [cattle are not mentioned] .

Devarim (Deuteronomio) 16:2
[Yahweh says] “Perciò sacrificherai la Pesach (Pasqua) a Yahweh tuo Elohim, dal gregge e dal gregge, nel luogo in cui Yahweh sceglie di porre il suo nome”.

“Pecore e capre”, quelle appartengono al “gregge”. La “mandria” viene dall’ebraico 1241 “baqar”, che si riferisce a tori, bovini, buoi.
La cosa che dobbiamo sapere sulla Torah levitica è che la Torah levitica ha molte più istruzioni specifiche (o Torot). Avete diversi Torot all’interno della Torah levitica. Avete le istruzioni (Torah) per il Nazarita. Avete le istruzioni riguardanti (la Torah di) un marito geloso. Ma tutti questi fanno parte della Torah levitica. E la Torah levitica, la Torah dei primogeniti, fanno tutti parte della Torah di Mosè, o di quella che si chiamava “la Torah” o “I primi cinque libri di Mosè”. In un certo senso è quasi un termine improprio, ok. E, ancora una volta, abbiamo ereditato il termine dai nostri fratelli ortodossi.

Ma una cosa da notare è che, anche se le specifiche dell’offerta pasquale sono cambiate tra l’Esodo con la prima Pasqua e le istruzioni pasquali nel Deuteronomio, i precetti sono gli stessi. Il precetto è quello che si sta ancora cercando di fare. State ancora cercando di fare la stessa cosa; è solo che ora il bestiame è una possibilità. Perché le famiglie sono più grandi o per qualsiasi motivo, ora si può usare anche il bestiame.

Ora la Torah levitica è per quando avremo un sacerdozio levitico purificato, cosa che non abbiamo in questo momento. Vogliamo unificare la nazione intorno a un altare sacrificale fisico, proprio ora. Non abbiamo un Sacerdozio Levitico purificato e la Torah non è la nostra costituzione in nessuna nazione del mondo (non importa cosa possano dire gli ortodossi). Pertanto, l’ordine levitico non è purificato. Naturalmente stanno pianificando la costruzione di un terzo tempio in arrivo. Non sarà un tempio purificato e non sarà un sacerdozio purificato, perché avranno delle modifiche alle istruzioni di Yahweh. Ne parleremo più tardi. Quello che dobbiamo vedere qui è che il Sacerdozio Levitico durò fino a Primo Samuele, capitolo 4. È allora che è diventato contaminato.

Shemuel Aleph (1 Samuele) 4:10-11
10 Così i Filistei combatterono con Israele, e Israele fu sconfitto, e ogni uomo fuggì nella sua tenda. Ci fu un grande massacro e caddero da Israele circa 30.000 fanti [a great number].
11 Anche l’arca di Elohim fu catturata e i due figli di Eli, Hophni e Pinchas, morirono.

Ora, è importante notare che l’arca non tornò mai più nel tabernacolo levitico dopo quel periodo. Perché il tabernacolo levitico era stato contaminato. Eli e i suoi due figli di (Hophni e Pinchas che morirono), fecero la cosa sbagliata. Quindi, l’ordine levitico era diventato contaminato, e non ha mai veramente riguadagnato il suo status corretto dopo questo. Allora, cosa è successo? Arriviamo a Secondo Samuele quando il re Davide diede il comandamento di creare un tabernacolo speciale. Non era il tabernacolo levitico. Perché il tabernacolo levitico era contaminato.

Shemuel Bet (2 Samuele) 6:17
17 Allora essi portarono l’arca di Jahvè e la collocarono al suo posto in mezzo al tabernacolo che Davide aveva eretto per essa. Poi Davide offrì olocausti e offerte di pace davanti a Jahvè.

Beh, come poteva fare il re Davide? Il re Davide non era un levita. Il re Davide era della tribù di Giuda, proprio come Yeshua sarebbe stato in seguito della tribù di Giuda. Ora, abbiamo una miniserie speciale su questo, sul Tabernacolo di Davide, in Nazareno Scripture Studies Volume 5. Incoraggio tutti a controllare. È una serie molto importante e racconta tutto sulle origini del movimento Nazareno Israele. Ma ciò che accadde fondamentalmente è che Shemuel (Samuele) ricevette ciò che si potrebbe chiamare un’unzione interna-melchizedekiana. Così poi, quando il tabernacolo levitico fu contaminato, fu in grado di ungere il re Davide, e poi il re Davide ricevette questa unzione melchisedeca. E poiché il re Davide era un profeta, poté allora officiare nel Tabernacolo Melchizedekiano. Quindi, eccoci qui. Il re Davide allora a sua volta è l’antenato di Yeshua, e Yeshua è ora “ilnostro sommo sacerdote nei cieli secondo l’ordine di Melchisedec“, come dice sia in Salmi 110:4 che nel libro degli Ebrei.

Ma ciò non significa (e molte persone pensano questo), ma non significa che il corpo di Yeshua sulla terra non abbia nulla da fare. Il corpo di Yeshua ha la missione di far sorgere, stabilire ed estendere il regno globale ordinato di Yeshua in tutte le nazioni, secondo la Grande Commissione e il Quinto Ministero. Ora questo si applica ogni volta che non abbiamo un sacerdozio levitico purificato e non abbiamo un altare levitico purificato. Quindi, in questo momento, l’Ordine Rabbinico, che non è un Sacerdozio Levitico purificato, non importa quello che dicono. E nemmeno questo terzo tempio sarà un altare levitico purificato, di nuovo, non importa quello che dicono. Il prossimo tempio che vedremo è un tempio dell’anti-messia, ma ci sarà un quarto tempio dopo quello. Ne parleremo tra un momento.

Ma lo scopo dell’Ordine Melchizedekiano è quello di estendere il Regno di Yeshua in tutte le nazioni secondo (attraverso) la Grande Commissione e il Quinto Ministero. E ci sono regole per questo, parliamo di queste regole in Atti 15 Ordine e anche nel Governo della Torah. Studi molto importanti, incoraggio tutti a studiarli.

Mattiyahu (Matteo) 28:18-20
18 [Yeshua had said] “Ogni autorità mi è data in cielo e in terra”.
19 “Andate dunque e fate discepoli in tutte le nazioni immergendoli nel mio nome,
20 insegnando loro a osservare [ebraico: obbedire] tutte le cose che vi ho comandato; ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”. Amein.

Parliamo del perché ci immergiamo solo nel nome di Yeshua nello studio giustamente chiamato, Why We Immerse in Yeshua’s Name Only, in Nazarene Scripture Studies Volume 3. Anche in questo caso, si può leggere sul sito web, si può scaricare una copia in pdf gratuitamente, o si può acquistare una copia cartacea su amazon.com al nostro costo.

Effettivamente questo è ciò che è un discepolo. Un discepolo è qualcuno che volontariamente, felicemente, gioiosamente fa tutte le cose che Yeshua ci comanda.

Così, molte persone trovano i comandamenti di Yeshua pesanti, sapete. Ma quando si ama qualcuno, si è felici di spendere il proprio tempo e denaro per lui. Quando si ha un hobby, si è felici di spendere il proprio tempo e si è felici di spendere il proprio denaro. Allora, piacere a Yeshua è il nostro hobby? Siamo felici di passare il nostro tempo? siamo felici di spendere i nostri soldi? C’è qualcos’altro che preferiremmo fare o la cosa che vogliamo di più nella vita è compiacere nostro marito Yeshua? Dopo tutto quello che ha fatto per noi? Date un’occhiata alle pianificazioni giornaliere delle persone e date un’occhiata ai loro documenti finanziari e potrete dire cosa conta di più per loro. Perché è lì che passano il loro tempo libero. Allora, dove passiamo il nostro tempo libero? Quando trovi le persone che passano il loro tempo libero cercando di fare tutto ciò che possono per aiutare a promuovere il regno ordinato di Yeshua, tipicamente parlando, quello è un discepolo.

Questo è il punto dell’Ordine Melchizedekiano, è estendere il Regno di Yeshua in tutte le nazioni, e questa è la missione (la Grande Commissione) dei veri discepoli.

Ma sappiamo che l’ordine levitico e l’ordine melchisedecano si fonderanno dopo la raccolta (dopo Armageddon) come dice Isaia.

Yeshayahu (Isaiah) 66:20-21
20 “Poi porteranno tutti i tuoi fratelli come offerta a Jahvè da tutte le nazionisu cavalli, su carri e su lettighe, su muli e su cammelli, verso il mio monte stabilito, Gerusalemme”, dice Jahvè, “come i figli d’Israele portano un’offerta in un vaso pulito nella casa di Jahvè.
[Così, dove l’Ordine Melchizedekiano è andato, per suscitare discepoli in tutte le nazioni, un giorno, dopo la raccolta dell’Armageddon, torneremo tutti. Su cavalli, su carri, su lettighe, su muli e cammelli, su treni, aerei, automobili, barche… chissà cosa, verso il Suo monte prestabilito, Gerusalemme].
21 E prenderò anche alcuni di loro per sacerdoti e leviti“, dice Yahweh.

Quindi, ciò che Yahweh sta dicendo qui è che quelli dell’Ordine Melchizedekiano che tornano nella terra d’Israele, saranno fusi con ciò che è rimasto dell’Ordine Levitico (Rabbinico). Non ce ne saranno molti secondo la profezia. Ma ci fonderemo di nuovo e allora la Torah cambierà di nuovo. Perché in questo momento, nell’Ordine Melchizedekiano, non abbiamo bisogno di un altare sacrificale perché siamo nella dispersione. Quando torneremo nella terra d’Israele ci sarà di nuovo un altare sacrificale. E mi sono reso conto che molte teste di cristiani si sono sciolte quando ho detto questo, ma date un’occhiata.

Yehezqel (Ezechiele) 45:22
22 “E in quel giorno il nasi (principe) preparerà per sé e per tutto il popolo del paese un toro come sacrificio per il peccato”.

Una volta che l’ordine melchizedekiano e quello levitico saranno fusi, ci sarà di nuovo un tempio in cui officiare, probabilmente con la Torah levitica. Ma notate che i capitoli da 44 a 46 di Ezechiele parlano di un tempio che non è ancora stato costruito, sappiamo che non è ancora stato costruito perché le dimensioni sono molto diverse.

Inoltre, parla di un nasi (principe). Sarà un principe costituzionale. Sarà un sovrano ereditario. Avrà leggi della Torah a cui obbedire, ma sarà un leader ereditario. Come Ezechiele 45, il versetto 22 ci dice che ci sarà di nuovo un altare sacrificale da cui il nasi offrirà. La gente dice: “Beh, quello è Yeshua“. Io dico: “Come può essere Yeshua? Yeshua era l’agnello senza peccato e senza macchia. Yeshua ha bisogno di offrire un sacrificio per il peccato per se stesso? Quello che dobbiamo capire è che Yeshua è il nostro sommo sacerdote nei cieli. Egli si aspetta che noi, come Suo corpo, camminiamo per Lui sulla terra e che ci sarà ancora una volta un nasi (un principe costituzionale) che governa sulla nazione combinata di Israele. Di nuovo, lo vediamo in Ezechiele 45 versetto 22. Sappiamo che questo è un umano perché offre un’offerta per il peccato per se stesso, che è qualcosa che Yeshua non farà.

Quindi, in tutte queste cose stiamo parlando della Torah e della Testimonianza. Stiamo parlando della relazione tra la Torah e la Testimonianza, e continueremo di più sulla Testimonianza nel prossimo capitolo, Ascoltare la voce di Yahweh.

Diamo un’occhiata a ciò che è scritto nei Salmi, la maggior parte delle persone crede che il re Davide abbia scritto i Salmi per mezzo dello Spirito. Quindi, questo è effettivamente lo Spirito che parla questi Salmi attraverso il re Davide come un vaso vuoto. E il Salmo 119 è spesso indicato come il Salmo della Legge o il Salmo della Torah.

Salmi 119:44-45
44 Così custodirò la Tua Torah [Law] continuamente, nei secoli dei secoli,
45 E camminerò in libertà, perché cerco i Tuoi precetti.

Quello che il re Davide sta dicendo è che ci saranno momenti in cui dovrete rompere la lettera della Torah. Questo non dovrebbe accadere spesso, e se hai intenzione di rompere la lettera della Torah, dovresti sapere perché lo stai facendo e l’unica ragione dovrebbe essere perché lo Spirito ti dice di farlo. Voi chiedete cosa intendo con questo, e questo è ciò di cui parleremo in Ascoltare la voce di Yahweh.

Stiamo entrando nella fine dei tempi. Ci sono delle situazioni molto difficili da affrontare. Quindi, quello che dobbiamo fare è ricordare la missione: stabilire il regno ordinato di Yeshua in tutte le nazioni. E poi, se dobbiamo deviare dalla lettera della Torah, deve essere solo perché questo è ciò che la voce di Yeshua ha detto di fare. Dobbiamo stare attenti, anche Satana ha una voce. Il modo in cui si può notare la differenza è che la voce di Yeshua è ferma e piccola, e gentile e tranquilla e amorevole. La voce di Satana è tipicamente arrabbiata, e spinge, e agitata, ha fretta e questo genere di cose. Questa è la stessa cosa che dice l’apostolo Shaul (Paolo) in Galati.

Galatim (Galati) 5:13.
13 Poiché voi, fratelli, siete stati chiamati alla libertà; solo non usate la libertà come occasione per la carne, ma per amore servite gli uni agli altri.

Quello che Shaul sta dicendo è che si può non avere necessariamente bisogno di obbedire alla lettera della Torah levitica. Perché? Perché siete nella dispersione, perché siete sotto l’Ordine Melchizedekiano, perché è un Ordine Profetico. Dovremmo ascoltare nello Spirito. Ma non dobbiamo farlo per il male, dobbiamo farlo solo per il bene. Il nostro scopo è stabilire il regno globale ordinato di Yeshua. Shaul ci avverte di non usare la libertà come un’opportunità per la carne, ma di servirci l’un l’altro attraverso l’amore. Perché, in ultima analisi, è così che innalziamo il regno ordinato di Yeshua. Shaul dice la stessa cosa con parole diverse in 2 Corinzi.

Qoritim Bet (2 Corinzi) 3:17
17 Ora Yahweh è lo Spirito; e dove c’è lo Spirito di Yahweh, c’è libertà.

Quello che Shaul sta dicendo è che quando ascoltiamo la voce dello Spirito e lo Spirito ci dice di fare qualcosa che non è nella lettera della Torah, lo Spirito ha la precedenza. Perché come abbiamo ottenuto la lettera della Torah in primo luogo? In primo luogo lo Spirito disse a qualcuno di scrivere queste parole, ed è così che abbiamo ottenuto la lettera della Torah.

Quindi, se lo Spirito ti dice

Ok, in questo caso particolare non voglio che tu faccia quello, voglio invece che tu faccia questo”, sarebbe come se un padre amorevole dicesse a suo figlio, “Ok figliolo, ora normalmente voglio che tu faccia questo e non ti discosti da esso, ma in questo caso particolare ho istruzioni speciali per te. In questo momento voglio invece che tu faccia questo.” La gente chiede: “Beh, puoi darci un esempio di questo forse?”.

Ok, bene, l’esempio che viene spesso usato è quello di un agente di traffico o di polizia. Quindi, Elohim proibisce che ci sia un incidente stradale, ma succedono sempre. Così, quando la polizia arriva e si presenta e comincia a deviare il traffico, molto spesso dirigono il traffico nella corsia opposta. E voi direte: “Ma, ma, non posso guidare nella corsia opposta, è infrangere la legge! Ok, no, state infrangendo le regole della strada, ma non state infrangendo la legge. Perché siete stati istruiti a fare qualcosa di speciale da un’autorità superiore. L’unica chiave è che deve essere durante un periodo in cui si riceve l’ordine di farlo da un’autorità superiore. Se lo fate sotto la vostra autorità potreste causare un infortunio mortale.

Guardiamo come Matteo descrive questo tipo di cose.

Mattiyahu (Matteo) 12:3-4
3 Ma Egli disse loro: “Non avete letto cosa fece Davide quando ebbe fame, lui e quelli che erano con lui:
4 come entrò nella casa di Elohim e mangiò il pane d’esposizione che non era [technically] lecito per lui mangiare, né [technically] per quelli che erano con lui, ma solo per i sacerdoti?”

Eccolo, il giorno di sabato, e i farisei stanno infastidendo Yeshua perché stanno camminando attraverso i campi e gli apostoli stanno afferrando il grano e lo stanno mangiando man mano. Allora, dicono, perché i tuoi discepoli fanno il raccolto di sabato? Ok, beh, non erano là fuori con la falce e il cesto a mietere tutto il grano. Non era una normale giornata di lavoro per loro, piuttosto stanno camminando attraverso il campo, e stanno solo prendendo uno spuntino mentre vanno. Se tu avessi un albero di melograno e tu prendessi il melograno da mangiare, o i fichi o qualsiasi altra cosa mentre cammini, non sarebbe un grosso problema. Questo non è raccogliere. Yeshua sta cercando di far notare loro che non stanno nemmeno capendo la Torah, non sanno cos’è la Torah.

Ok, quindi qual era la differenza? La differenza era che il re Davide era in missione da Elohim. Quindi, poiché alla fine serviva gli scopi di Elohim e alla fine avrebbe portato al regno del Messia, non era sbagliato farlo. Anche se era tecnicamente contro la lettera scritta della legge, non era sbagliato farlo. Perché era l’intenzione di Yahweh.

Così, ho lasciato l’esercito nel 1989 e proprio in quel periodo stavano introducendo il concetto di quello che chiamavano l’intento del comandante. La guerra è un affare molto difficile e confuso. Voglio dire, hai un nemico che ti sta sparando, cercando di ucciderti. Le comunicazioni sono difficili anche nei tempi migliori, anche in tempo di pace le comunicazioni sono difficili. Quindi, molto spesso le cose si confondono. Hanno iniziato un concetto molto buono. Quello che hanno iniziato è stato, hanno iniziato a fornire l’intento del comandante. In altre parole, se non siete in grado di catturare quella collina o non siete in grado di prendere quel cavalletto ferroviario, quello che stiamo davvero cercando di fare è cercare di interrompere questo carico di rinforzi (o qualsiasi altra cosa) che sta arrivando attraverso questa zona. Se non sei in grado di fare esattamente quello che ti è stato detto, sei comunque in grado di fare qualcosa per realizzare lo scopo generale.

È lo stesso tipo di cosa. Quando comprendiamo qual è l’intento di Elohim, stabilire un regno globale ordinato per Suo Figlio, allora possiamo capire quando è un buon momento per deviare dalla lettera scritta della Torah o non deviare da essa. Abbiamo bisogno di sentire nello Spirito e ciò che lo Spirito dice di fare. E quando lo Spirito ci dice di fare qualcosa che è in linea con l’istituzione del regno globale del Messia.

Per un altro esempio, in Esodo 23, leggiamo uno dei comandamenti dati al Sacerdozio Primogenito. Notate che è simile ai comandamenti del Sacerdozio Levitico, tuttavia questi dettagli sono diversi, perché il Sacerdozio Primogenito aveva meno comandamenti in generale.

Shemote (Esodo) 23:14
14 [Yahweh says] “Tre volte nell’anno farai una festa di pellegrinaggio a Me…”

Ciò significa che sotto il Sacerdozio Primogenito, tre volte all’anno tutti dovevano salire all’altare sacrificale e la nazione doveva essere unita. Ma notate in 1 Re come il profeta Eliahu (Elia) non lo fece.

Melachim Aleph (1 Re) 17:4-5
4 “E sarà che voi berrete dal ruscello, e io ho ordinato ai corvi di nutrirvi lì”.
5 Così egli andò e fece secondo la parola di Jahvè, perché andò e si fermò presso il Wadi Qerith, che sfocia nel Giordano.

Perché Eliahu non saliva 3 volte all’anno a Gerusalemme? Perché Yahweh gli ordinò di andare a stare nel Wadi Qerith (perché c’era siccità nel paese). Quindi, sicuramente un profeta rispetterà la lettera della Torah! Non in questo caso. Perché rispondeva a un’autorità superiore.

Un altro esempio è Hoshea. Se sei un sacerdote levitico, ti è proibito sposare una prostituta. Yahweh non è grande con la prostituzione. Tuttavia, ai profeti a volte viene chiesto di fare cose molto strane.

Osea (Hosea) 1:2
2 Quando Yahweh cominciò a parlare per mezzo di Osea, Yahweh disse a Hoshea: “Vai, prenditi una moglie di prostituzione e abbi figli di prostituzione, perché il paese ha commesso una grande prostituzione allontanandosi da Yahweh”.

Questo era un segno per la nazione di come stavano giocando la prostituzione contro Yahweh. Ecco perché ha fatto giocare Hoshea alla prostituta. Ancora una volta, questo andava contro le normali istruzioni specifiche, ma poiché Oshea sentì la voce dello Spirito nel suo orecchio, sapeva che questo era qualcosa che doveva fare.

Infine, ciò di cui vogliamo parlare è perché così tante persone non capiscono quale sia la vera definizione di Torah. E per dirla francamente, è perché il fratello Giuda ortodosso non capisce cos’è la Torah, e i vostri ebrei messianici prendono la loro comprensione della Torah dal Giuda ortodosso. Poi, come menzionato prima, avete anche i vostri Efraimiti e la vostra gente del movimento delle Due Case, i vostri Israeliti Messianici, anche loro stanno prendendo la loro definizione di Torah letteralmente dal Giuda ortodosso. Quindi, poiché il Giuda ortodosso non sa e ha un velo sui suoi occhi, nemmeno gli altri gruppi che seguono la loro guida sanno cosa sia.

Allora, come è successo? Il Giuda ortodosso (o si potrebbe dire la Casa di Giuda) andò in esilio a Babilonia intorno al 597 a.C. o al 586 a.C. a seconda dei numeri che si usano. Non c’era un tempio a Babilonia, quindi non c’era un posto dove il popolo potesse portare le decime, i doni e le offerte secondo la Torah. Senza fondi nessun sacerdozio può servire a lungo, quindi l’ordine levitico è crollato. Ebbene, senza una guida spirituale il popolo avrebbe cominciato ad assimilarsi alla cultura babilonese. Non sappiamo esattamente come sia successo, ma ho avuto rabbini che mi hanno detto che “l’Ordine Rabbinico ha avuto inizio nell’esilio a Babilonia“, questa è una citazione. Quindi, di nuovo, non sappiamo esattamente come sia successo, ma quello che sappiamo è che a un certo punto il popolo smise di ascoltare ciò che diceva la Torah e cominciò a seguire le tradizioni e gli insegnamenti dei “grandi uomini”, o quello che in ebraico si chiama rabbino. La parola rav significa “grande”, quando chiamate qualcuno “ravi” (o rabi) state dicendo: “Il mio grande”. Ecco perché Yeshua dice: “ma non siate chiamati rabbini“. Perché uno è il vostro Rabbino, uno è il vostro Grande nei cieli, ed è Yahweh.

Ok, bene, ecco un fatto divertente che illustrerà quanto Giuda non capisca cosa sia la Torah. Il termine gematria si riferisce al fatto che certi alfabeti hanno valori numerici legati alle lettere. L’ebraico ha valori di gematria, anche il greco antico ha valori di gematria, e il latino ha valori di gematria. Quando prendiamo la parola Torah (lettere tav, vav, resh, hay), abbiamo questi valori numerici. La lettera tav ha un valore numerico di 400, la lettera vav ha un valore numerico di 6, la lettera resh ha un valore numerico di 200 e la lettera hey ha un valore numerico di 5. E quando li sommiamo tutti, otterremo un valore di gematria di 611 per la parola Torah.

Ora portiamo questo fatto divertente nel Talmud. (Se vi fa male la testa è perché stiamo guardando il Talmud, ok. Mi scuso). Ma nel Talmud possiamo cominciare a capire il concetto di legalismo di Giuda. Il legalismo è quello che si potrebbe chiamare la salvezza a lista di controllo o la giustificazione a lista di controllo. In altre parole, non siamo giustificati perché Yahweh ci ha dato un favore immeritato, ma siamo giustificati perché facciamo questa lista di comandamenti (cose che dovremmo fare) e ci asteniamo dal fare questa lista di comandamenti (cose che non dovremmo fare). Questo è il concetto di Juda. È basato su regole, non ha niente a che fare con un padre amorevole che cerca di educare i suoi figli nella maniera in cui dovrebbero andare, in modo che quando saranno più grandi non se ne discosteranno. Ha a che fare con il guadagnarsi la salvezza facendo tutte le cose che si devono fare e non facendo tutte le cose che non si devono fare. È molto analitico e qualcosa si perde, qualcosa di molto, molto critico e importante, come ascoltare la voce di Yahweh e la testimonianza di Yeshua. Quelli si perdono.

Ok, allora andiamo su Wikipedia e digitiamo 613 Punti della Legge, perché se siete stati nel Movimento Messianico o siete stati intorno a persone delle Due Case probabilmente avete sentito il termine 613 Punti della Legge. Quello che scopriamo è che questo concetto dei 613 punti della legge è effettivamente un mito rabbinico. E non solo, ma è anche un mito rabbinico molto confuso. Gli daremo un’occhiata.

Digitiamo in Wikipedia 613 punti di legge e questo è ciò che dice.

“Il Talmud nota che il valore numerico ebraico (gematria) della parola Torah è 611 [as we just saw] e combinando i 611 comandamenti di Mosè [alleged] con i primi due dei Dieci Comandamenti che [they say] erano gli unici sentiti direttamente da Elohim [completely false claim], si arriva a 613.
Nota: Talmud babilonese Makkoth 24a.
[Wikipedia; 613 punti di legge].

Ok, ora stiamo per avere un grave problema con questo, perché in primo luogo, le persone vanno attraverso la Torah, e sommano i comandamenti positivi e negativi e non arrivano a 611. Bisogna torturare duramente la Torah per ricavarne 611 comandamenti. E in secondo luogo, i Dieci Comandamenti (la prima serie di tavole) furono consegnati a Moshe da Elohim. Quindi, come possiamo dire che Elohim ha dettato solo i primi due dei dieci comandamenti? E poi Moshe è quello che ha dettato il resto?

Beh, si dà il caso che questo sia il concetto ebraico ortodosso. Quindi, capiamo che Yahweh ha dato la Sua Torah a Moshe, e Moshe ha poi dato la Torah di Yahweh al resto del popolo. Ed era compito del sacerdozio levitico anche insegnare la Torah di Yahweh al resto del popolo. Ebbene, questo è quello che è uscito nell’esilio a Babilonia, e non sono più tornati indietro.

Ciò che insegna invece il Giuda ortodosso è che Yahweh ha dato a Moshe l’autorità di fissare la Sua Torah in ogni generazione. Poi Moshe alla fine pose le mani su Giosuè. Giosuè allora impose le mani ai giudici. Poi i giudici alla fine mettono le mani sui saggi, e così via fino ad arrivare ai rabbini. È un mito molto simile al mito della successione papale, lo stesso tipo di cosa, sono solo un po’ a 90 gradi l’uno dall’altro. Un tipo di cosa molto, molto diverso e molto sbagliato.

Di nuovo, suggerire che i primi due dei dieci comandamenti fossero gli unici sentiti direttamente da Elohim, no.

Così, arriviamo alla nota a piè di pagina del Talmud babilonese Makkoth 24a. In realtà inizia nel 23b.

R. Simlai quando predicava disse: “Seicentotredici precetti furono comunicati a Mosè, centosessantacinque precetti negativi, corrispondenti al numero dei giorni solari [in the year], e duecentoquarantotto precetti positivi, corrispondenti al numero dei membri del corpo dell’uomo“.
(Rabbi Simlai, terzo secolo CE).
[Talmud babilonese; Makkoth 23b-24a].

Mi scusi? Quindi, questo non avrebbe nulla a che fare con il culto del sole, e non stiamo guardando i corpi celesti e attribuendo invece di ascrivere le cose a ciò che Yahweh ha detto. Non stiamo attribuendo cose al sole, alla luna e alle stelle. Non ha niente a che vedere con questo, oh, no. Ehm, sì, è così! Non stiamo attribuendo cose alle emozioni dei corpi celesti, sole, luna, stelle. E non stiamo esaltando il sole, la luna e le stelle. Non stiamo esaltando gli uomini. Non abbiamo un certo numero di comandamenti perché stiamo alzando il sole e perché stiamo alzando gli esseri umani. Oh, no. Sì! Questo è esattamente quello che sta succedendo!

Ok, questa era l’opinione di Rabbi Simlai, era un rabbino del terzo secolo dopo Cristo. Il problema nel giudaismo è che, con il nuovo modello da Babilonia in poi, quando qualcosa è una tradizione per tre o quattro generazioni allora assume il peso della legge. Se è effettivamente scritto o codificato nel Talmud è effettivamente codificato nella legge. Anche se questo è un concetto completamente errato e anche se la gente passa attraverso la Torah e (anche se alcuni lo fanno) la maggior parte delle persone non può arrivare a 611 comandamenti. Eppure questo è scritto nel Talmud, quindi è quello che si sentono obbligati a fare. Continuiamo.

“Disse R. Hamnuna: Qual è il testo [authentic] per questo? [Hmm, buona domanda! Sì, infatti, qual è il testo autentico per questo?] Mosè ci ha comandato la Torah, un’eredità della congregazione di Giacobbe [No, scusate, Yahweh ci ha comandato la Torah attraverso Moshe, Yahweh ha comandato la Torah], essendo la Torah in valore di lettera (gematria) uguale a 611. Io sono e Tu non avrai [other Gods] non essere calcolato, [because] abbiamo sentito dalla bocca del Potente [Divine].
[Babylonian Talmud Makkoth 23b-24a]

Quindi, le lettere Torah sommano 611 (ok, quindi…?) e quello che dice poi è che aggiungono il primo (Io Sono) e il secondo (Non avrai altro Elohim davanti alla mia faccia) comandamenti. E poi il resto dei comandamenti non viene calcolato. Hanno immaginato di aver sentito i primi due comandamenti dalla bocca del Divino, quindi per questo immaginano che ci devono essere 613 comandamenti per definizione che sono attribuiti al Figlio e attribuiti agli uomini. Quindi, quando sentite usare la frase 613 comandamenti, è da lì che viene. Allora, cosa pensa Yahweh di tutto questo?

Yirmeyahu (Geremia) 11:1-4
1 La parola che venne a Yirmeyahu (Geremia) da Yahweh, dicendo,
2 “Ascoltate le parole di questo patto [il patto che Yahweh ha dato. Non andate a pensare alle vostre cose, ascoltate le parole di questo patto], e parlate agli uomini di Giuda e agli abitanti di Gerusalemme,
3 E di’ loro: “Così dice Yahweh Elohim d’Israele: “Maledetto l’uomo che non obbedisce alle parole di questo patto
4 che ho ordinato ai vostri padri nel giorno in cui li feci uscire dal paese d’Egitto, dalla fornace di ferro, dicendo: ‘Obbedite alla mia voce e fate tutto quello che vi comando; così sarete il mio popolo e io sarò il vostro Elohim’…”

In realtà, ha detto: “E osserva le parole di questa alleanza“. Yahweh sta parafrasando se stesso, questo perché è un Padre amorevole che cerca di istruire i suoi figli su ciò che è importante. Ma i nostri fratelli e sorelle del Giuda ortodosso non ascoltano. Sta dicendo: “Ascoltate, obbedite alla mia voce e fate quello che vi comando. Non inventate le vostre regole, non attribuite le cose al movimento del sole, della luna e delle stelle. Non dire che le cose sono dovute al numero di membri del corpo di un uomo. Ma obbedisci alla mia voce!

Come puoi obbedire alla voce di Yahweh se non la senti? Ne parleremo nel prossimo capitolo.

Allora, qual è il rapporto? Come abbiamo ottenuto la Torah scritta? Abbiamo la Torah scritta perché qualcuno ha scritto le parole dello Spirito. Lo Spirito ha parlato e qualcuno li ha scritti. Tutto si riduce all’ascoltare e all’obbedire alla voce di Yahweh, sia che si ascolti nella forma dell’orecchio o che si obbedisca alla forma scritta, tutto viene dallo Spirito. Tutto emana da Yahweh. E ciò che il fratello Giuda ha dimenticato, e ciò che il Giuda messianico e gli Efraimiti e la comunità delle Due Case hanno tutti dimenticato, è questo messaggio fondamentale del nostro amorevole Padre che sta cercando di dire ai suoi figli,

Vi amo; so che ne avete passate tante, quello che voglio che facciate è che ascoltiate la mia voce. Se mi ami, voglio che tu impari ad ascoltarmi. E quando ti dico di fare qualcosa, ho bisogno che tu ti fidi di Me, e ho bisogno che tu la faccia. Avrete prove, avrete sfide, avrete problemi. Ma se mi ascolti e ti fidi di me e fai tutto quello che ti dico di fare, tutto andrà bene. Ma devi ascoltare e obbedire alla Mia voce.

Quindi, questo è il nostro insegnamento sulla Torah e la Testimonianza. Lo stiamo facendo come una preparazione, come una parte uno per un insegnamento in due parti, la parte due è il nostro prossimo capitolo del libro“Spiritualità e questioni di cuore“. Quando parliamo dell’importanza vitale, quintessenziale dell’Ascoltare e Obbedire alla Voce di Yahweh. Unitevi di nuovo a noi per la parte 2.

Shalom.

If these works have been a help to you in your walk with Messiah Yeshua, please pray about partnering with His kingdom work. Thank you. Give