Chapter 7:

LA Fede una volta consegnata

“Questa è una traduzione automatica. Se vuoi aiutarci a correggerlo, puoi inviare un’e-mail a contact@nazareneisrael.org“. 

Oggi, molti credenti pensano che tutto ciò di cui abbiamo bisogno è avere fede nel Messia di Yeshua (Gesù Cristo). Tuttavia, questo non è ciò che le Scritture insegnano. Piuttosto, in molti luoghi e in molti modi, la Scrittura insegna che ci si aspetta che noi manteniamo “la” fede che una volta per tutte è stata consegnata ai santi.

Per esempio, in Giuda 3, Yehudah (Giuda) ci dice che nel primo secolo c’erano altri credenti che erano stati salvati, ma che non credevano la stessa cosa che credeva lui. Giuda dice loro che mentre tutti condividevano una salvezza comune dovuta alla fede in Yeshua, non era abbastanza buona. Piuttosto, egli trovava ancora necessario scrivere loro, esortandoli a contendersi seriamente “la” fede che una volta per tutte era stata consegnata ai santi.

Yehudah (Giuda) 3
3 Carissimi, mentre ero molto diligente a scrivervi riguardo alla nostra comune salvezza, ho ritenuto necessario scrivervi esortandovi a lottare seriamente per la fede che una volta per tutte è stata consegnata ai santi.

Si noti che la parola “il” è Concordanza di Strong NT:3588, riferendosi all’articolo definitivo, “la” (come in, “lafede”). (Sottolinea il mio.)

NT:3588 ho (ho); compreso il lui (fieno) femminile; e il neutro a (a); in tutte le loro inflessioni; il def. articolo; il (a volte da fornire, a volte da omettere, in idioma inglese):
KJV – il, questo, quello, uno, lui, lei, esso, ecc.

Anche se a volte viene (falsamente) fornito, e altre volte (falsamente) omesso, si riferisce all’articolo definitivo, “il”. Perciò, mentre Giuda sta dicendo agli altri credenti che sì, sono salvati, è ancora necessario che essi pratichino “la” fede che una volta per tutte è stata consegnata ai santi (che è l’Israele nazareno).

L’esortazione e l’incoraggiamento a mantenere “la” fede avviene almeno 30 volte nell’Alleanza Rinnovata.

In Efesini 4,13, Shaul ci dice che dobbiamo praticare il quintuplo ministero fino a quando non arriveremo tutti all’unità della “fede”. Poiché il soggetto è l’unità, questo può riferirsi solo a una singola (puntuale) fede (con un’unica dottrina).

Efesino (Efesini) 4:13
13 fino ad arrivare tutti all’unità della fede e della conoscenza del Figlio di Elohim, ad un uomo perfetto, alla misura della statura della pienezza del Messia….

In Colossesi 2,7, l’apostolo Shaul e Timoteo scrivono ai santi di Colossae, incoraggiandoli ed esortandoli a radicarsi nella “fede”.

Colossee (Colossesi) 2:6-7
7 radicate e costruite in Lui e stabilite nella fede, come vi è stato insegnato, abbondando in essa con il ringraziamento.

Poi in 1 Timoteo 4:1, Shaul dice a Timoteo che alcuni si allontaneranno dalla “fede”, dando ascolto agli spiriti ingannatori e alle dottrine dei demoni. Anche se questi possono ancora professare Yeshua, la verità è che quando abbracciano altri spiriti e altre dottrine, si uniscono ad una fede diversa.

TimaTeus Aleph (1 Timoteo) 4:1
4 Ora lo Spirito dice espressamente che in questi ultimi tempi alcuni si allontaneranno dalla fede, dando ascolto agli spiriti ingannatori e alle dottrine dei demoni…

In Tito 1:13, Shaul dice a Tito di rimproverare i chiacchieroni e gli ingannatori oziosi, specialmente quelli della circoncisione (cioè i messianici rabbinici che credono nel Talmud), affinché siano sani nella “fede” (che non è rabbinica).

Tito 1:10-16
10 Perché ci sono molti insubordinati, sia i chiacchieroni oziosi che gli ingannatori, specialmente quelli della circoncisione,
11 le cui bocche devono essere fermate, che sovvertono intere famiglie, insegnando cose che non dovrebbero, per il bene di un guadagno disonesto.
12 Uno di loro, un loro profeta, disse: “I cretesi sono sempre bugiardi, bestie malvagie, golosi pigri”.
13 Questa testimonianza è vera. Perciò rimproverateli severamente, affinché siano sani nella fede,
14 non prestando attenzione alle favole ebraiche e ai comandamenti degli uomini che si allontanano dalla verità.
15 Per i puri tutte le cose sono pure, ma per coloro che sono contaminati e non credono nulla è puro; ma anche la loro mente e la loro coscienza sono contaminate.
16 Essi professano di conoscere Elohim, ma nelle opere lo rinnegano, essendo abominevoli, disobbedienti e squalificati per ogni opera buona.

Questo passaggio è importante, perché identifica l’ebraismo messianico rabbinico talmudico come una falsa fede, che è diversa nelle opere dalla “fede”, una volta consegnata ai santi.

E ci sono altri riferimenti nascosti. Per esempio, in Luca 18:8, Yeshua chiede retoricamente se troverà “la” fede quando tornerà sulla terra. Tuttavia, dobbiamo guardare i manoscritti greci, perché a volte le traduzioni omettono falsamente l’articolo definitivo “il”.

Luqa (Luca) 18:8
8 “Vi dico che Egli li vendicherà rapidamente. Tuttavia, quando il Figlio dell’uomo verrà, troverà davvero [the] la fede sulla terra?

Ciò significa che quando Yeshua ritornerà, non cercherà solo coloro che hanno fede in Lui, ma anche coloro che praticano la fede specifica che Egli ha insegnato mentre era qui. Quella fede è chiamata la setta ebraica (o israelita) setta dei Nazareni.

Ma’asei (Atti) 24:5
5 “Abbiamo infatti trovato quest’uomo una piaga, un creatore di dissenso tra tutti gli ebrei del mondo e un capobanda della setta dei Nazareni”.

Questa è l’unica fede che costruisce il Suo regno nel modo in cui Egli dice di volerlo costruire.

È questa la fede che abbiamo? E lo pratichiamo, per essere approvati, in quel giorno?

If these works have been a help to you in your walk with Messiah Yeshua, please pray about partnering with His kingdom work. Thank you. Give