Chapter 4:

A Proposito di Sacrifici di Animali per il Peccato

“Questa è una traduzione automatica. Se vuoi aiutarci a correggerlo, puoi inviare un’e-mail a  contact@nazareneisrael.org.

In Matteo 22, Yeshua cita due versi della Torah per dimostrare che l’amore è sempre stato il cuore della Torah.

Mattityahu (Matteo) 22:37-40
37 Yeshua gli disse: “‘Amerai Yahweh tuo Elohim con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. [Deuteronomy 6:5]
38 Questo è il primo e grande comandamento.
39 E la seconda è così: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. [Leviticus 19:18]
40 Su questi due comandamenti sono appesi tutti la Torah e i Profeti”.

Gli apologeti cristiani stravolgono questo passaggio per far sembrare che l’amore renda nullo il patto coniugale, poiché il patto coniugale è sempre dipeso dall’amore. Tuttavia, questo non ha senso. Se un matrimonio dipende dall’amore, come fa l’amore ad annullare il matrimonio? (E se ami il tuo coniuge, significa che il tuo matrimonio è ormai finito?)

La chiesa ci dice che la Torah è troppo difficile da mantenere per qualsiasi essere umano, anche se Moshe (Mosè) ci dice il contrario. Moshe ci dice che la parola ci è molto vicina, che possiamo farlo.

Deuteronomio (Devarim) 30:11-14
11 “Poiché questo comandamento che oggi vi comando non è troppo misterioso per voi; né è troppo lontano.
12 Non è in cielo che si dovrebbe dire: “Chi salirà in cielo per noi e ce lo porterà, affinché possiamo sentirlo e farlo?
13 Né è al di là del mare che si dica: “Chi andrà al di là del mare per noi e ce lo porterà, perché lo sentiamo e lo facciamo?
14 Ma la parola è molto vicina a te, nella tua bocca e nel tuo cuore, perché tu possa farlo”.

Gli studiosi cristiani ci dicono che per Israele è sempre stato impossibile mantenere la Torah. Tuttavia, questo farebbe di Yahweh un crudele torturatore. Significherebbe che Egli liberò i figli di Israele dalla schiavitù fisica in Egitto, per poi metterli in schiavitù spirituale nella Torah, richiedendo qualcosa che non si sarebbe mai potuto fare per poterli poi rifiutare crudelmente alla fine. Ma questo suona come il nostro amorevole Padre celeste?

È vero, Shaul (Paul) ha detto ai Galati che la Torah può essere una specie di maledizione se credono erroneamente di potersi guadagnare la salvezza con le opere della legge.

Galatim (Galati) 3:10-14
10 Perché tanti come lo sono delle opere della Legge sono sotto la maledizione; perché è scritto: “Maledetto è chi non continua in tutte le cose che sono scritte nel libro della Torah, a farle”.
11 Ma che nessuno sia giustificato dalla Torah agli occhi di Elohim è evidente, perché “i giusti vivranno di fede”.
12 Eppure la Torah non è di fede, ma “l’uomo che le fa vivrà di esse”.
13 Il Messia ci ha riscattati dalla maledizione della Torah, divenuta per noi una maledizione (perché è scritto: “Maledetto è chiunque si appende a un albero”),
14 affinché la benedizione di Avraham possa venire sui pagani nel Messia Yeshua, affinché possiamo ricevere la promessa dello Spirito attraverso la fede.

La chiave per capire Shaul è ricordare che ha sempre etichettato le persone in base a come credono di essere salvate. Quando parla di coloro che sono delle opere della legge, non parla dei Nazareni israeliti che obbediscono alla legge. Piuttosto, parla di coloro che credono di ricevere la salvezza come risultato diretto dell’aver eseguito le opere della legge come una sorta di “lista di controllo” per la salvezza. (Questa è una descrizione appropriata dei nostri fratelli farisei/ortodossi).

Shaul dice che se credi di essere salvato come risultato di un lavoro fatto con le tue mani, allora sei davvero sotto una maledizione, perché ti senti costretto a continuare a fare il lavoro delle tue mani nella vana speranza che questo ti salvi in qualche modo. Tuttavia, nessuno si salva facendo le cose con le mani, perché i giusti saranno salvati (e quindi vivranno) dalla fede. Eppure, anche se i punti specifici della legge nella Torah non sono di fede, coloro che li fanno (come gli israeliti nazareni) vivranno di essi.

Se siamo disposti a riceverlo, il Messia ha preso su di sé la maledizione (di credere che possiamo salvarci facendo le cose con le nostre mani), essendo diventato maledetto per noi (per così dire), affinché ricevessimo la promessa che è stata fatta ad Avraham a causa della sua fede. Ma Shaul non può significare che non dobbiamo obbedire a ciò che è scritto nella Torah, perché vedremo che lui stesso ha obbedito a tutto ciò che è stato scritto nella Torah.

Molti cristiani si stupiscono nell’apprendere che gli apostoli compiono ancora i sacrifici animali, anche molti anni dopo la resurrezione di Yeshua. Per vedere questo, cominciamo da Atti 18:18, dove l’apostolo Shaul si era rasato la testa, perché aveva fatto un voto.

Ma’asei (Atti) 18:18
18 Così Shaul rimase ancora un bel po’ di tempo. Poi si congedò dai confratelli e salpò per la Siria, e Priscilla e Aquila erano con lui. Si è rasato la testa a Cenchrea, perché aveva fatto un voto.

L’unico voto nella Scrittura che richiede la rasatura della testa è il voto nazarista, che si trova nel numero 6. Quando si separa (finisce) un voto nazarista, si rade la testa, e poi si sale al tempio, dove si offrono tre sacrifici animali, uno dei quali è un sacrificio per il peccato (versetto 14).

Bemidbar (Numeri) 6:13-18
13 Ora questa è la Torah del nazarista: Quando i giorni della sua separazione saranno compiuti, egli sarà portato alla porta del tabernacolo della riunione.
14 Ed egli presenterà la sua offerta a Yahweh: un agnello maschio al primo anno senza macchia come olocausto, un agnello pecora al primo anno senza macchia come offerta per il peccato, un ariete senza macchia come offerta di pace,
15 un cestino di pane azzimo, torte di farina fine mescolate con olio, ostie azzime unte con olio e la loro offerta di grano con le loro offerte di bevande.
16 Allora il sacerdote li porterà davanti a Jahvè e offrirà il suo sacrificio per il peccato e il suo olocausto;
17 e offrirà l’ariete come sacrificio di un’offerta di pace a Yahweh, con il cesto di pane azzimo; il sacerdote offrirà anche la sua offerta di grano e la sua offerta di bevande.
18 Allora il nazarista raderà il suo capo consacrato alla porta del tabernacolo della riunione, e prenderà i capelli dal suo capo consacrato e li metterà sul fuoco che è sotto il sacrificio dell’offerta di pace.

Se ci rendiamo conto che il termine “salire” significa salire a Gerusalemme, allora possiamo vedere che Shaul è salito a Gerusalemme dopo aver separato il suo voto nazarista.

Ma’asei (Atti) 18:21-22
21 Ma si congedò da loro, dicendo: “In ogni caso, è necessario che io tenga la prossima festa a Gerusalemme”: Ma verrò di nuovo da voi, se Elohim lo vorrà!”.
22 E, sbarcato a Cesarea, salì [to Jerusalem] e salutò l’ecclesia, scese ad Antiochia.

Shaul separò l’ennesimo voto nazarista quando incontrò gli apostoli in Atti 21. Mentre gli abitanti di Gerusalemme erano euforici all’idea dei successi di Shaul tra i gentili, avevano sentito dire che Shaul non era più zelante per la Torah di Moshe (così com’era) – e avevano anche sentito dire che Shaul ora insegnava contro la Torah di Moshe. Leggiamo attentamente e cerchiamo di visualizzare la conversazione.

Ma’asei (Atti) 21:20-22
20 E quando lo sentirono, glorificarono Yahweh. E gli dissero: “Ecco, fratello, quante miriadi di Giudei ci sono che hanno creduto, e sono tutti zelanti per la Torah [of Moshe]!
21 Ma sono stati informati su di voi che insegnate a tutti gli ebrei che sono tra i gentili ad abbandonare [the Torah of] Moshe, dicendo che non devono circoncidere i loro figli, né camminare secondo le usanze [Hebraic].
22 Che cosa allora [is the truth]? L’assemblea deve certamente incontrare [because it is a pilgrimage festival], e sentiranno che siete venuti”.

Israele può essere operativamente definito come quei credenti che si sforzano diligentemente di mantenere la Torah di Yahweh – e se Shaul avesse insegnato contro la Torah, sarebbe stata un’offesa degna di un’immediata mancanza di comunione. Sarebbe una vera e propria crisi, perché gli ebrei stavano arrivando a Gerusalemme da tutto il mondo conosciuto per mantenere la Pentecoste. Quando l’assemblea si sarebbe riunita, avrebbero sicuramente sentito che Shaul era lì – e se fosse stato trovato a insegnare contro la Torah, allora le miriadi di ebrei “zelanti per la Torah” (Atti 21,20, sopra) avrebbero voluto cacciarlo dall’assemblea (forse anche per lapidazione).

Cosa potrebbero fare per dissipare i malintesi delle epistole di Shaul? Ya’akov (Jacob) aveva un piano. Poiché Shaul era venuto a Gerusalemme per separare il suo voto nazarista, Ya’akov gli disse di prendere altri quattro uomini che avevano anch’essi separato i voti nazaristi, e di pagare tutte le loro spese. Si tratterebbe di un totale di quindici sacrifici di animali, che nel primo secolo costerebbero un’enorme somma di denaro. Nessuno pagherebbe quindici sacrifici di animali se non credesse nel mantenimento della Torah di Moshe, e questo dimostrerebbe al mondo che anche Shaul camminava in modo ordinato, mantenendo la Torah di Moshe.

Ma’asei (Atti) 21:23-24
23 “Fate dunque quello che vi diciamo: Abbiamo quattro uomini che hanno fatto un voto [also] fatto un voto [Nazirite].
24 Prendeteli, e purificatevi con loro, e [you] pagate le loro spese perché si rada la testa, e tutti sappiano che le cose di cui sono stati informati riguardo a voi [teaching against the Torah] non sono nulla, ma che anche voi stessi camminate in modo ordinato e tenete la Torah”.

Questo evento si svolge verso la fine del ministero di Shaul, dopo che la maggior parte delle sue epistole erano già state scritte. Se aveva davvero creduto che la Torah e i sacrifici degli animali fossero stati aboliti, allora perché ha fatto un voto nazista? E perché ha accettato di pagare un totale di quindici sacrifici di animali, compresi cinque sacrifici per il peccato, in modo che tutti sapessero che le voci che lo riguardavano erano false – e che anche lui stesso camminava in modo ordinato, e manteneva la Torah?

Gli apostoli continuarono chiaramente ad offrire sacrifici di animali dopo il sacrificio di Yeshua. In realtà, sembra suggerire che l’unica ragione per cui si sono fermati è perché i romani hanno distrutto il tempio. Ma molte persone hanno una forte reazione a questo. Vogliono sapere perché gli apostoli continuerebbero a offrire sacrifici di animali dopo il sacrificio di Yeshua.

Parliamo più dettagliatamente del sistema di sacrificio degli animali in “Riguardo ai sacrifici” (in Studi delle Scritture Nazarene, Volume 1), ma poiché si tratta di un argomento così critico, ne daremo una breve spiegazione qui. Guardiamo prima gli Ebrei 10:3-4, che ci dicono che è impossibile che il sangue di tori e capre porti via i peccati.

Ivrim (Ebrei) 10:3-4
3 Ma in queste offerte è un ricordo dei peccati anno dopo anno;
4 Perché è impossibile che il sangue di tori e capre porti via i peccati.

La chiesa usa questo come una presunta prova – il testo che i sacrifici degli animali sono stati eliminati – mentre la verità è l’esatto contrario.

Israele può essere definito operativamente come quelle persone che si sforzano di mantenere la Sua alleanza. Coloro che non si sforzavano di mantenere la Sua alleanza dovevano essere sempre messi fuori dal campo, in modo che il resto del campo potesse essere mantenuto puro, incontaminato, e separato dagli atteggiamenti profanatori del mondo. Ogni volta che un israelita si rendeva conto di aver peccato, ci si aspettava sempre che fosse desideroso di correggersi. Ciò è in contrasto con i sistemi giudiziari di tutte le altre nazioni del mondo, che sono in grado di mantenere un falso senso della legge e dell’ordine solo attraverso la minaccia di una punizione.

Una sposa che ama il marito non ha bisogno di essere punita. Appena si rende conto di non piacere al marito, è desiderosa di cambiare (perché vuole compiacerlo). Questo è lo stesso principio su cui Israele doveva sempre operare. Per questo motivo, i sacrifici per il peccato non sono mai stati destinati a togliere il peccato. Volevano solo servire a ricordare in modo raccapricciante e costoso che il salario del peccato è la morte – e che bisognava stare attenti ad obbedire all’alleanza coniugale, altrimenti si sarebbe tagliati fuori dalla vita eterna (poiché Yahweh non ha motivo di salvare coloro che non si sforzano diligentemente di obbedire alle Sue istruzioni).

Anche se Yahweh perdona il peccato involontario, vuole comunque un’offerta per il peccato. Tuttavia, se uno fa qualcosa di “presuntuoso” (cioè di proposito, o ribelle), deve essere tagliato fuori dalla gente.

Bemidbar (Numeri) 15:27-30
27 “E se una persona pecca involontariamente, allora porterà una capra femmina nel suo primo anno come offerta per il peccato.
28 Così il sacerdote farà l’espiazione per la persona che pecca involontariamente, quando pecca involontariamente davanti a Jahvè, per fare l’espiazione per lui; e gli sarà perdonato.
29 Avrete una sola Torah per colui che pecca involontariamente, per colui che è nato tra i figli d’Israele e per lo straniero che abita in mezzo a loro.
30 Ma la persona che fa qualcosa di presuntuoso, sia che sia nativo o straniero, che porta il rimprovero su Yahweh, e sarà tagliato fuori dal suo popolo”.

Il peccato infame del re Davide con Betsabea era sia intenzionale che premeditato; tuttavia, il re Davide era in fase di negazione del suo peccato. Quando il profeta Nathan aiutò il re Davide a realizzare il suo peccato, il re Davide si pentì immediatamente e Yahweh perdonò il suo peccato in quel momento.

Scommessa Shemuel (2 Samuele) 12:13-14
13 Allora David disse a Nathan: “Ho peccato contro Yahweh”. E Nathan disse a David: “Anche tu hai messo da parte il tuo peccato; non morirai.
14 Tuttavia, poiché con questo atto avete dato grande occasione ai nemici di Yahweh di bestemmiare, anche il bambino che vi è nato morirà sicuramente”.

Re Davide si pentì, e Nathan gli disse immediatamente che Yahweh aveva messo via il suo peccato, ma che doveva esserci ancora una pena per il peccato (in questo caso, il figlio del suo legame illecito con Betsabea doveva morire). La morte di suo figlio è servita come un terribile promemoria che il salario del peccato è la morte – ecco perché Ebrei 10:3 (sopra) ci dice che i sacrifici degli animali servono solo come promemoria dei peccati anno dopo anno – perché il sangue dei tori e delle capre non può mai togliere i peccati. Solo Yeshua poteva farlo.

Finché rimase un tempio pulito, gli apostoli offrirono sacrifici di animali come macabro e costoso ricordo dei loro peccati, eppure dovevano ancora accettare il sacrificio espiatorio finale di Yeshua, che avvenne quando Egli prese tutte le nostre maledizioni su di sé, appeso a un albero.

Spieghiamo i sacrifici in dettaglio in Studi delle Scritture Nazarene, Volume 1, ma gli Atti 21 ci mostrano che, fintanto che il tempio rimaneva in piedi, gli apostoli offrivano ancora sacrifici di animali al momento opportuno. Questo è sicuramente perché sapevano che le parole di Yeshua in Matteo 5:17 erano vere – che finché il cielo e la terra non passeranno, nemmeno la più piccola parte della Torah cadrà – perché è un’alleanza coniugale.

If these works have blessed you in your walk with our Messiah Yeshua, please pray about partnering with His kingdom work. Thank you. Give