Chapter 8:

Disposizione della sinagoga allora e adesso

“Questa è una traduzione automatica. Se vuoi aiutarci a correggerlo, puoi inviare un’e-mail a contact@nazareneisrael.org“. 

Prima di parlare dei servizi che svolgete, dobbiamo prima di tutto parlare della disposizione fisica della vostra sinagoga. Che ve ne rendiate conto o meno, il layout fisico può avere un grande impatto sulla natura e la qualità dei vostri servizi.

La forma segue la funzione: Funzione Dettature Forma

C’è un vecchio detto che dice: “La forma segue la funzione”. Il corollario di ciò è che la funzione detta la forma; e come vedremo, sia la forma della sinagoga che la sua funzione sono cambiate dopo la distruzione del Secondo Tempio.

Yo punti en comuna

Mentre ogni sinagoga è unica, quasi tutte le sinagoghe hanno en comune alcuni elementi. Ad esempio, la maggior parte delle sinagoghe si trova vicino a una sorgente o ad un altro specchio d’acqua (come un fiume o un lago), per il bagno e l’immersione rituale (“battesimo”). Questa deve essere acqua pulita e fresca. L’acqua salata (come nel Mar Morto o nel Mar Mediterraneo) non si qualifica, e nemmeno l’acqua di palude. Piuttosto, deve essere acqua pulita e fresca che non solo purifichi, ma che sia anche in grado di sostenere la vita (cioè l’acqua viva). (Alcuni ritengono che una piscina funzionerà anche fintanto che l’acqua sarà pulita, e ne parleremo nella sezione sull’immersione).

Un’altra cosa che praticamente tutte le sinagoghe hanno in comune è una qualche forma di Nicchia di Torah o Sacrario di Torah, dove si conserva il Arca di Torah. L’arca della Torah è fondamentalmente un armoire decorato in cui sono conservati i rotoli della Torah. Di solito c’è anche un bimah, che è una tabella su cui vengono posizionati i rotoli della Torah mentre vengono letti. Tuttavia, ci sono alcune importanti differenze tra il modo in cui i batei knesset antichi e moderni sono progettati e il loro funzionamento. Dovete capire quali cambiamenti sono avvenuti e perché, perché faranno una grande differenza per voi e per la vostra congregazione.

Prima della distruzione del Secondo Tempio

Il Secondo Tempio ha ospitato sacrifici rituali, preghiere, canti, cerimonie di bar mitzvah e altro ancora. Tuttavia, mentre il Secondo Tempio era ancora in piedi, le sinagoghe non sentivano il bisogno di ospitare cerimonie strettamente scritturate, perché non cercavano di sostituire il tempio. Piuttosto, la loro attenzione si è concentrata principalmente sullo studio e sull’apprendimento, e anche come luogo di riunione locale. Nelle sinagoghe si poteva svolgere qualsiasi funzione legata alla Torah, ma esse erano principalmente orientate allo studio, all’apprendimento e alle preghiere che venivano dal cuore. Questo era il tipo di sinagoga alla quale Yeshua amava partecipare.

Gli archeologi ci dicono che prima che il Secondo Tempio fosse distrutto, la maggior parte delle sinagoghe aveva una disposizione fisica molto diversa da quella delle sinagoghe di oggi. La maggior parte delle sinagoghe del secondo tempio avevano panchine su tutte e quattro le pareti. Pertanto, quando un membro della comunità si alzava per parlare, stava in piedi al centro della stanza. Mentre c’era un leader della sinagoga, c’era anche una sensazione di partecipazione inclusiva “da club” che normalmente non si trova nelle sinagoghe moderne. Piuttosto che essere condotti da un lato della sala (come in una moderna sinagoga), i dirigenti sono condotti dal centro della sala.

Una sinagoga del secondo tempio era un luogo dove i fedeli si riunivano e condividevano salmi, insegnamenti, lingue, rivelazioni e interpretazioni in modo ordinato.

Qorintim Aleph (1 Corinzi) 14:26
26 Come va allora, fratelli? Ogni volta che vi riunite, ognuno di voi ha un salmo, ha un insegnamento, ha una lingua, ha una rivelazione, ha una interpretazione. Che tutto sia fatto per l’edificazione.

Gli anziani dovrebbero programmare il tempo non solo per la parte della Torah e gli eventuali insegnamenti che si possono avere, ma anche il tempo per le persone di presentare le cose che Elohim sta condividendo con loro attraverso il Suo Spirito. Naturalmente si vorranno schermare queste (e le lingue non sono condivise a meno che non sia presente un vero interprete, 1 Corinzi 14:28), ma è importante trovare il tempo per loro, poiché l’obiettivo è quello di aiutarsi e incoraggiarsi a vicenda, e di far crescere la prossima generazione di leader di Israele.

Mishle (Proverbi) 22:6
6 Istruire un bambino nel modo in cui dovrebbe andare,
E quando sarà vecchio non se ne allontanerà.

Dopo la distruzione del Secondo Tempio

Grandi cambiamenti sono avvenuti nel servizio della sinagoga dopo la distruzione del Secondo Tempio. Poiché non c’era più un tempio, i rabbini adattarono i rituali del tempio, i canti e le preghiere alla sinagoga. Dopo di che non era più un ambiente partecipativo di apprendimento, studio e preghiera guidato da un leader di mezzo. Ora gli edifici erano costruiti con un muro che si affacciava su Gerusalemme, e su quel muro era collocata la nicchia della Torah o santuario della Torah, spesso anche con una piattaforma sopraelevata. I posti a sedere erano ora o un semicerchio di sedili, o file di sedili, in modo tale che il rabbino o il capo della sinagoga guidava la funzione dalla piattaforma sopraelevata sul muro più vicino a Gerusalemme.

Come abbiamo visto nei capitoli precedenti, la natura delle preghiere è cambiata dopo la distruzione del Secondo Tempio. Ora, piuttosto che il capo del culto che prega dal suo cuore, le parole delle preghiere sono state fissate. Anche le sinagoghe hanno cominciato ad essere decorate in modo molto più elaborato e le funzioni stesse sono diventate più sceneggiate. Mentre la gente cantava o diceva “amein” alle preghiere di routine, questo è diventato meno un centro di studio e di culto, e più un’esibizione di canti e uno spettacolo. Non c’era più lo stesso tipo di spontaneità che c’era ai tempi di Yeshua. A meno che non si desideri specificamente un servizio evangelico (come alcuni fanno), questo è proprio il tipo di servizio che si vuole evitare.

Informazioni sulla sede di Moshe (Mosè)

Mentre ci sono stati rabbini fin dall’esilio babilonese, i rabbini hanno cominciato a dominare il giudaismo solo dopo che Giuda HaNasi ha modificato il Mishna circa 200-220 d.C.. Prima di allora, la leadership delle sinagoghe era un mix. Mentre alcune sinagoghe erano guidate da anziani o governanti, altre erano guidate da scribi o rabbini.

Ai tempi di Yeshua, alcuni scribi e farisei si sedevano in un posto speciale per leggere i rotoli della Torah. Questo si chiamava Seduta di Mosè (Moses’) Seat. Yeshua disse che quando gli scribi e i farisei si sedettero al posto di Moshe, avremmo dovuto fare quello che dicevano (perché stavano leggendo dalla Torah). Tuttavia, Egli ha anche detto che non dovremmo seguire i loro esempi, perché mentre leggevano dalla Torah, non hanno fatto quello che diceva (e non lo fanno ancora).

Mattityahu (Matteo) 23:1-3
1 Poi Yeshua parlò alle moltitudini e ai Suoi discepoli,
2 dicendo: “Gli scribi e i farisei siedono al posto di Moshe.
3 Perciò tutto ciò che vi dicono di osservare, che osservano e fanno, ma non fanno secondo le loro opere; perché dicono e non fanno”.

Gli archeologi hanno trovato una pietra “Sede di Moshe” in una sinagoga del terzo secolo (post-distruzione) a Chorazin. Il sedile era situato vicino al muro che era più vicino a Gerusalemme, indicando che i servizi erano condotti dal lato della stanza più vicina a Gerusalemme, piuttosto che dal centro. È quindi intrigante notare che Yeshua aveva detto che quelli di Chorazin avevano bisogno di pentirsi.

Mattityahu (Matteo) 11:20-22
20 Poi cominciò a rimproverare le città in cui era stata fatta la maggior parte delle sue grandi opere, perché non si pentirono:
21 “Guai a te, Chorazin! Guai a te, Bethsaida! Perché se le opere possenti che sono state fatte in voi fossero state fatte a Tiro e Sidone, si sarebbero pentiti molto tempo fa in tela di sacco e cenere.
22 Ma vi dico che sarà più tollerabile per Tiro e Sidone nel giorno del giudizio che per voi.

Il quadro è quello di una cattiva leadership nella sinagoga di Chorazin, con gli scribi e i farisei seduti in una sede fisica di Moshe, e che leggono alla gente della Torah, ma poi mantengono i propri usi e costumi (proprio come fanno oggi i rabbini).

Adattarsi per l’era elettronica

Anche se non lo sappiamo con certezza, sembra che Yeshua preferisse lo stile di servizio in sinagoga del Secondo Tempio, dove i leader parlavano dal centro della sala (piuttosto che predicare da un muro). Questo sembra ironico, perché nell’era elettronica di oggi c’è bisogno di proiettori, schermi e telecamere, che di solito non funzionano dal centro della stanza. L’elettronica impone una disposizione moderna, con sedili semicircolari o file di sedie. Questo è particolarmente vero se si vuole guidare un servizio di tipo evangelico. Tuttavia, se si ha la capacità di insegnare dal centro della stanza è meglio, in quanto fa sì che le persone si affrontino l’una con l’altra, e questo tende a generare una sensazione di maggiore partecipazione.

Quello che si vuole non è che un gruppo di persone si accalchi in un anfiteatro in stile romano, ascolti una bella e raffinata performance, pranzi e poi torni a casa. Piuttosto, vuoi la partecipazione. Le prove vanno bene, ma si vuole un posto dove le persone possano incontrarsi e condividere, e incoraggiarsi a vicenda giorno dopo giorno, e aiutarsi a imparare a camminare alla maniera di Elohim. Finché si può fare questo, la disposizione dell’edificio è secondaria.

Segregazione di genere

Il giudaismo rabbinico tradizionalmente segrega uomini e donne nelle sinagoghe sulla base della segregazione di genere implicita in Zaccaria 12:10-14. In questo passaggio gli uomini piangono a parte le loro mogli. Il giudaismo rabbinico dice che se i generi devono essere segregati durante il lutto, allora la segregazione è appropriata anche in tempi felici. (Nota: il verso 10 parla di Yeshua).

Zaccaria 12:10-14
10 “E io spanderò sulla casa di Davide e sugli abitanti di Gerusalemme lo Spirito di grazia e di supplica; allora guarderanno Me[Yahweh-Yeshua]che hanno trafitto. Sì, piangeranno per Lui [Yeshua] come si piange per il suo unico figlio, e piangeranno per Lui come si piange per un primogenito.
11 In quel giorno ci sarà un grande lutto a Gerusalemme, come quello di Hadad Rimmon nella pianura di Megiddo.
12 E la terra piangerà, ogni famiglia da sola: la famiglia della casa di Davide da sola, e le loro mogli da sole; la famiglia della casa di Nathan da sola, e le loro mogli da sole;
13 la famiglia della casa di Levi da sola, e le loro mogli da sole; la famiglia di Shimei da sola, e le loro mogli da sole;
14 tutte le famiglie che rimangono, ogni famiglia da sola, e le loro mogli da sole.

Sulla base di questo e di altri passaggi, i rabbini hanno elaborato una serie di leggi che prevedono la segregazione dei generi nella sinagoga e un muro di separazione tra di loro. Tuttavia, pur concordando sul fatto che un certo grado di segregazione di genere è corretto, siamo giunti a conclusioni diverse su come dovrebbe essere.

Le leggi di Yahweh sulla purezza rituale

La Torah parla di molte cose che possono renderci ritualmente impuri. Mentre l’impurità rituale non è un peccato, è peccaminoso ignorare le leggi di Yahweh, o non prenderle sul serio. Per questo motivo, dobbiamo prestare particolare attenzione a queste leggi, come Yahvè ce le ha date per il nostro bene.

Il Levitico 15:16-18 ci dice che se un uomo ha una scarica di sperma deve lavare tutto il suo corpo in acqua, e rimane ritualmente impuro fino a sera. Inoltre, se ha un’emissione di sperma con la moglie, sono entrambi ritualmente impuri fino alla sera dopo il bagno in acqua. Ciò significa che non dovrebbero entrare nel tempio o nel tabernacolo fino ad allora.

Vayiqra (Levitico) 15:16-18
16 “Se un uomo ha un’emissione di sperma, allora laverà tutto il suo corpo in acqua, e sarà impuro fino a sera.
17 E ogni indumento e ogni cuoio sul quale ci sia del seme, sarà lavato con acqua, e sarà impuro fino a sera.
18 Inoltre, quando una donna giace con un uomo, e c’è un’emissione di sperma, essi devono fare il bagno nell’acqua, ed essere impuri fino a sera”.

Inoltre, Levitico 15:19-33 ci dice che una donna è ritualmente impura durante il suo periodo di pulizia mensile.

Vayiqra (Levitico) 15:19-23
19 “Se una donna ha una scarica, e la scarica dal suo corpo è sangue, sarà separata per sette giorni; e chi la tocca sarà impuro fino a sera.
20 Tutto ciò su cui giace durante la sua impurità sarà impuro; anche tutto ciò su cui si siede sarà impuro.
21 Chi tocca il suo letto deve lavare i suoi vestiti e fare il bagno nell’acqua, ed essere impuro fino a sera.
22 E chiunque tocca qualcosa su cui lei si è seduta, laverà i suoi vestiti e farà il bagno nell’acqua, e sarà impuro fino a sera.
23 Se qualcosa è sul suo letto o su qualcosa su cui si siede, quando lo tocca, sarà impuro fino a sera”.

Diamo maggiori dettagli in “Per quanto riguarda la pulizia rituale” (in )
Studi delle Scritture Nazarene, Volume 1
), ma tale impurità rituale non si risolve con le docce e i moderni prodotti per l’igiene femminile, perché non solo la donna, ma anche tutto ciò che tocca diventa impuro fino alla sera dopo aver fatto il bagno. Poi, notate che se il marito dorme nello stesso letto con la moglie e il sangue mestruale di lei gli arriva addosso, anche lui è impuro per sette giorni, e anche ogni letto su cui si sdraia diventa impuro.

Vayiqra (Levitico) 15:24
24 E se un uomo giace con lei, in modo che la sua impurità sia su di lui, egli sarà impuro per sette giorni; e ogni letto su cui giace sarà impuro.

Tuttavia, sappiamo anche che il versetto 24 non si riferisce al fatto che il marito abbia rapporti coniugali con la moglie, ma solo al fatto di avere il sangue mestruale della moglie su di sé a causa del fatto che si trova nello stesso letto, perché la pena per aver avuto rapporti coniugali durante il periodo di purificazione della moglie è che entrambi devono essere tagliati fuori tra la gente.

Vayiqra (Levitico) 20:18
18 “Un uomo che giace con una donna mestruale e scopre la sua nudità, ha messo a nudo il suo flusso, e lei ha esposto il flusso del suo sangue; così entrambi saranno tagliati fuori dal loro popolo”.

Questo ci mostra quanto seriamente Yahweh prenda le questioni della purezza rituale. Ci dice anche che la ragione di questi comandi è di separarci dalla nostra impurità, in modo che non moriamo nella nostra impurità per aver contaminato il Suo tempio o tabernacolo.

Vayiqra (Levitico) 15:31
31 “Così separerete i figli d’Israele dalla loro impurità, affinché non muoiano nella loro impurità quando profanano il Mio tabernacolo che è in mezzo a loro”.

Obbedienza ai precetti di Yahweh

Quindi, per toccare alcuni punti fin troppo importanti, mentre la sinagoga non è un tabernacolo levitico, è comunque un tipo di tabernacolo di Davide, e un tipo di santuario. Chiaramente, non dovremmo mai profanare alcun tabernacolo o santuario appartenente a Yahweh. In effetti, si può sostenere che non dovremmo essere ritualmente impuri per un tempo stabilito, sia che ci troviamo nel tempio o nel tabernacolo o meno. Per esempio, si consideri che al momento della consegna della Torah sul Monte Sinai, Yahweh disse agli uomini non solo di lavare i loro vestiti, ma anche di non avvicinarsi alle loro mogli per tre giorni.

Shemote (Esodo) 19:14-15
14 Così Moshe scese dal monte verso il popolo e lo santificò, ed essi lavarono le loro vesti.
15 E disse al popolo: “Preparatevi per il terzo giorno; non avvicinatevi alle vostre mogli”.

Inoltre, Re Shaul (erroneamente) pensava che la ragione per cui Davide non era alla festa del giorno di luna nuova fosse perché era ritualmente impuro.

Shemuel Aleph (1 Samuele) 20:24-26
24 Poi David si nascose sul campo. E quando arrivò la Luna Nuova, il re si sedette a mangiare il banchetto.
25 Ora il re sedeva sul suo seggio, come altre volte, su un sedile vicino al muro. E Jonathan si alzò, e Abner si sedette al fianco di Shaul, ma il posto di Davide era vuoto.
26 Tuttavia Shaul non disse nulla quel giorno, perché pensò: “Gli è successo qualcosa; è impuro, è sicuramente impuro”.

Anche se non siamo tecnicamente sotto l’ordine levitico in questo momento (ma sotto l’ordine melchizedekiano) la cosa che dobbiamo ricordare è che i comandamenti che trattano della purezza rituale sono precetti, Yahweh ci comanda di osservare diligentemente i Suoi precetti.

Tehillim (Salmi) 119:4
4 Lei ci ha ordinato di mantenere diligentemente i Suoi precetti.

Alcuni principi generali

Nel giudaismo, i mariti e le mogli in età fertile dormono normalmente in letti separati durante il periodo di pulizia mensile della moglie. Questo è corretto per i motivi che abbiamo visto sopra.

Inoltre, poiché i rapporti coniugali causano l’impurità del marito e della moglie (a causa dell’emissione di sperma da parte dell’uomo), le coppie sposate non dovrebbero mai avere rapporti coniugali di sabato o di festa. Se il giorno della preparazione hanno rapporti intimi, devono assicurarsi di fare la doccia prima del tramonto. Si potrebbe voler prolungare questo periodo fino a tre giorni prima di Pentecoste, come nell’Esodo 19:14-15, sopra.

Questo evidenzia anche un altro motivo per cui il sacerdozio dovrebbe essere maschile. Gli uomini possono rimanere puliti ritualmente astenendosi dai rapporti coniugali mentre sono in servizio nel tempio o nel tabernacolo, ma le donne non sono in grado di controllare il loro tempo di pulizia mensile. Quindi, se dobbiamo obbedire agli stessi precetti, allora ha senso che anche gli uomini guidino le funzioni nelle sinagoghe.

No Mechitzah (muro divisorio di genere)

Ci sono alcune aree grigie, ma se applichiamo i precetti ad esse, esse si chiariscono.

Le sinagoghe non sono il tempio o il tabernacolo di Yahweh, eppure sono un tipo di tabernacolo di Davide, e un tipo di santuario. Non dovremmo mai fare nulla che possa portare impurità rituali nel tabernacolo o nel santuario di Yahweh. Ma l’altra faccia della medaglia è che le sinagoghe non sono ancora il tabernacolo o il tempio. In origine erano intesi come centri di studio e di apprendimento, e come luogo di incontro per i fedeli. Poiché non erano originariamente destinati a sostituire il tabernacolo o il servizio del tempio, non avevano un muro divisorio di genere (quello che l’ebraismo chiama mechitzah). Poiché il nostro obiettivo è quello di ricreare il tipo di sinagoghe a cui Yeshua amava partcipare, e poiché alle donne è stato permesso di partcipare alle sinagoghe dell’era del Secondo Tempio, non favoriamo il muro divisorio ortodosso di genere. Come vedremo nei capitoli successivi, riteniamo che i copricapi siano sufficei per aiutare i generi a rimanere concentrati su Elohim.

Per i dettagli, vedere ” Per quanto riguarda la pulizia rituale ” e ” Copertine del capo nelle Scritture “, en .
Studi delle Scritture Nazarene, Volumen 1
.

If these works have blessed you in your walk with our Messiah Yeshua, please pray about partnering with His kingdom work. Thank you. Give